Bohemian Rhapsody

Un santino pusillanime del leader dei Queen Freddie Mercury: meritava di meglio, e pure noi

27 novembre 2018
2/5
Bohemian Rhapsody

Al teaser i fan insorsero: ma il Freddie Mercury omosessuale dov’è? E il Freddie Mercury malato di Aids? Il film completo, invero, non cambia le domande in tavola. E’ Bohemian Rhapsody, per cui Rami Malek smette la felpa con cappuccio dell’hacker di Mr. Robot e indossa i pantaloni attillati, le borchie e gli orpelli della “lead voice” dei Queen.

Se ne parlava da almeno dieci anni, con una teoria di attori affiancati a Freddie, in primis Sacha Baron Cohen e poi Ben Whishaw, e nemmeno in corso d’opera sono mancati gli stravolgimenti: il regista Bryan Singer, che figura in solitaria nei credits, è stato licenziato, a rimpiazzarlo Dexter Fletcher, con vasto impiego di CGI, sopra tutto per il leggendario Live Aid di Wembley 1985, che qui apre e chiude, con i Queen sul palco e 70mila spettatori in visibilio.

Se non il final cut, Brian May e Roger Taylor hanno avuto l’ultima parola, puntando a un biopic conservatore, accomodante, se non pusillanime: si respira un’aria dorotea, con i vizi di Freddie nel fuoricampo, la fidanzata e poi amica Mary Austen a restituirgli una patente di “rispettabilità” etero, e molta musica per nulla. Povero Freddie, che santino sciapo: se lo meritava? Ce lo meritiamo?

5
Lascia una recensione

avatar
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
PaolomacArquimedeRinoBillyBandini Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
Bandini
Ospite
Bandini

E quel “sopra tutto”, ce lo meritiamo?

Billy
Ospite
Billy

Pontiggia, ci meritiamo le tue recensioni inutili?

Rino
Ospite
Rino

ottima e lucida recensione!

Arquimede
Ospite
Arquimede

la recensione al film quando arriva?

Paolomac
Ospite
Paolomac

Sinceramente sembra di aver visto un altro film, ma come si fa a dire che i “vizi” sono edulcorati e fuoricampo? Non mi pare che le reazioni degli spettatori al cinema siano di quelli che meritavano ben altro… lo stesso giudizio dato al cinepanettone di de sica e boldi… bah…

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy