Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

Petardo senza mezze misure, dove si ragiona meglio con pallottole e cazzotti. Margot Robbie ruba la scena in quella che sembra un'enorme allucinazione

5 Febbraio 2020
2,5/5
Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

Donne nell’abisso di una crisi di nervi. Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn è l’altra faccia di Joker, anche a livello produttivo. La Warner Bros delinea le due strade che vuole percorrere: l’autorialità e lo spirito da popcorn movie, l’impegno e l’entertainment. Il clown di Joaquin Phoenix strizzava l’occhio alla New Hollywood, vittima e carnefice di una società che lo rigettava. La sua catarsi era la danza.

La protagonista Harley Quinn, qui ex fidanzata di Joker, è un’amante tradita, dal sistema e dallo squilibrio a cui si era affidata. Non c’è la disperazione del Joker di Todd Phillips, siamo più vicini forse a Suicide Squad di David Ayer: “cartelli” che introducono i personaggi, elenchi di torti subiti, azione allo spasimo. Ma la linea sottile che unisce i due film è quella politica. Da una parte la lotta di classe, i poveri che si ribellano, dall’altra le “cattive eroine” contro il maschilismo.

 

Quella di Birds of Prey è una storia di vendette senza fine. Harley Quinn è una dottoressa in carriera che si è innamorata di un paziente, per poi venire trascinata nel suo vortice di follia. E tutte quelle che la affiancano hanno un passato tormentato, plasmato dai soprusi. Insieme sfidano un modello imposto dagli uomini di potere, in un racconto anche figlio del #MeToo. Quando il malvagio Ewan McGregor costringe una cliente del suo club a spogliarsi davanti a tutti, si sentono gli echi di molti scandali attuali.

La “rinascita” è politicamente scorretta (ma lo sarà davvero?). Anche i criminali hanno la loro umanità, e la regista Cathy Yan sceglie di non condannarli. Costruisce la vicenda sul corpo di Margot Robbie: bellissima, ispirata dal fumetto, inquietante nella sua mania, che a un certo punto si improvvisa persino Marilyn Monroe in Gli uomini preferiscono le bionde di Hawks, cantando Diamond Are a Girl’s Best Friend. Picchia i suoi avversari senza pietà, si lancia in coreografie pirotecniche anche rallentate, “sniffa” per ritrovare le forze e vincere il nuovo round.

 

Falso intrattenimento per adolescenti, che mescola violenza e demenzialità. La battaglia contro la Marvel continua, e passa attraverso l’estetica carnevalesca e una certa anima delirante. Sembra di essere all’interno di un’enorme allucinazione, dove vince chi si veste in modo più eccentrico e chi si dimostra pronto per una casa di cura. Si gioca con i flashback, si viene proiettati in un La notte del giudizio alla luce del giorno, dove tutto luccica mentre volano i coltelli per una parola sbagliata.

Birds of Prey è un blockbuster impenitente, che non aggiorna l’immaginario, ma cavalca l’onda del successo della sua diva. Un’avventura al femminile girata per un pubblico appassionato dei picchiaduro e della saga di Fast and Furious, un petardo senza mezze misure, dove si ragiona meglio con pallottole e cazzotti. Finimondo non a buon mercato, tutto popcorn e battute machiste, che si appoggia sul talento cristallino di Margot Robbie.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy