Becoming Led Zeppelin

I quattro alfieri dell'hard rock nel documentario assai convenzionale di Bernard MacMahon: Fuori concorso a Venezia 78

4 Settembre 2021
2,5/5
Becoming Led Zeppelin
Foto: Dick Barnatt - Redferns, London 1968, Getty Images

Becoming Led Zeppelin è diretto da Bernard MacMahon (American Epic) e interpretato da Jimmy Page (chitarra), John Paul Jones (basso), John Bonham (il batterista deceduto nel 1980, che “rivive” in un’intervista del ‘71) e Robert Plant (voce), ovvero i componenti della celebre band.

Fuori Concorso alla 78. di Venezia, rivela a mo’ di patchwork l’immagine – la genesi – del gruppo nei percorsi individuali dei quattro membri sulla scena musicale britannica, e americana, degli anni ’60: dall’infanzia alla formazione musicale, dagli inizi nei piccoli club inglesi all’incontro nell’estate del 1968, fino alla consacrazione negli Stati Uniti e al tripudio planetario, ogni evento seguito da clip d’ordinanza.

Sebbene non esaltante negli esiti, la ricerca, il lavoro d’archivio di MacMahon non si discute. E qualche chicca arriva: Page e Jones agli Abbey Road Studios per registrare la bondiana Goldfinger di Shirley Bassey.

Quattro uomini e una musica, quattro uomini e, nelle intenzioni del regista, un musical, in cui il sound è condizione poetica necessaria e sufficiente: non droga e sesso, solo il rock, riveduto e corretto, ovvero restaurato, da pellicole e negativi originali (70mila fotogrammi), trasfigurato in sequenze à la Singin’ in the Rain, restituito dal pastiche di manifesti, viaggi, fogli di giornale.

Uno storyboard ha battezzato e informato il progetto, che non si discosta da un racconto invero molto convenzionale, in cui le tre talking heads, i tre superstiti divi dell’hard rock separatamente forniscono le tessere per il collage: i cultori dei Led Zeppelin si beeranno facilmente, i cinefili potranno alzare il sopracciglio, ma la forza icastica e iconica di Page, Plant e, pure lui, Mr. Jones non si discute.

Purtroppo, avrebbero beneficiato di un servizio migliore, ossia più coraggioso, eterodosso, sfidante, ma forse saranno stati loro i primi a non pretenderlo, di più, a non volerlo. Tanta musica per nulla? Non esageriamo, ma… le turbolenze degli Anni Settanta sono assenti, scandali e controversie nemmeno a pagare, tutto è invero poco rock. Sicché quando nel 1970 alla Royal Albert Hall va in scena la trionfale rimpatriata già si era affacciata la sensazione. Dell’occasione perduta.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy