Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità

Erratico nelle immagini, didascalico nei dialoghi: Julian Schnabel si sovrappone a Van Gogh, ma sbava. Il protagonista Willem Dafoe Coppa Volpi a Venezia 75

3 Gennaio 2019
2,5/5
Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità

Il rapporto non facile con Gauguin (Oscar Isaac), la custodia affettuosa del fratello Theo (Rupert Friend), sopra tutto lui: Vincent Van Gogh, un assai somigliante Willem Dafoe.

22 anni dopo Basquiat – e otto dall’ultima regia, Miral – l’artista Julian Schnabel porta sul grande schermo un altro celeberrimo collega, forse il più celebre: l’inquieto pittore olandese è inquadrato nell’ultimo periodo della sua breve vita – se ne è andato nel 1890  per un colpo di pistola – tra iperproduttività, “sana follia” e zero vendite delle sue tele.

Nelle intenzioni At Eternity’s Gate, da noi Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità, non consegna uno sguardo filologico, ovvero biografico, sull’artista, bensì – siamo a Venezia, concediamocelo – una sorta di Doppelganger, una congruenza di Van Gogh e Schnabel, che proietta la propria immagine e la propria arte su quella di Vincent. L’immagine, in effetti, è centrale: libera, mossa, sfocata – parzialmente sfocata nella parte bassa, come a rendere un difetto visivo, ma senza coerenza – ed erratica, declina in altro modo lo specifico, l’idiosincratico, l’unicissimo messo su tela da Van Gogh, come volesse accostare a quella un’altra arte, uguale e contraria.

Tanta natura, spighe e rami di fico, il vento, la luce, il sole, e fin qui va anche bene, ma questa anarchia strutturata è contrastata, fraintesa se non vilipesa, e quasi annullata dai dialoghi: dagli scambi con Gauguin alla disamina cristica col prete (Mads Mikkelsen), dalla tenzone verbale col Dottor Gachet (Mathieu Amalric) agli incontri con Theo, è una lunga teoria di didascalie, spiegoni sull’arte, l’artista e l’infinito mondo tra follia, Dio e senso esistenziale.

Ed è abbastanza nocivo, come se Schnabel, e chi con lui (co-sceneggia Jean-Claude Carriere), non credesse fino in fondo, e comunque non reputasse sufficiente, evocarne lo spirito (santo…), per indulgere viceversa in una messa cantata, perfino pedante.

Non chiedere al poeta, e non avremmo chiesto, ma di fronte a questa lunga e irrichiesta parafrasi non possiamo non esprimere dubbi, riserve, che finiscono per intaccare lo stesso Dafoe: davvero una copia conforme, ma assai meno calzante nella tempra, nel furore, nell’arte.

Un po’ addomesticato, pastorizzato, perfino rassegnato, come questo At Eternity’s Gate (il titolo viene da un dipinto di Vincent): non gli mancano i colori, ma la forza, la follia, l’urgenza di farne arte. In Concorso a Venezia 75.

Lascia una recensione

2 Commenti on "Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Gerardo Greco
Ospite

Non ce l’ho fatta a vederlo tutto ..sono uscito prima non ne potevo piu . Didascalico vuoto e banale cinepresa matta e il regista che si credeva Van Gogh…bella interpretazione del protagonista ma tristemente sprecata

Alex
Ospite

Assolutamente straordinario. Eccellente interpretazione di Dafoe, ambientazione incantevole, ottima fotografia e una regia perfetta per tradurre le tensioni dell’artista. Di difficile comprensione, sicuramente apprezzato dagli intenditori.
Tornerò a vedere la versione in lingua originale.
Consigliatissimo, 5 stelle.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy