Una Mostra per Pietro Coccia

"Parliamo di cose belle", 30 scatti del compianto fotografo domenica 18 ottobre a Todimmagina. Curatori gli amici e colleghi Letizia Giambalvo e Vitaliano Napolitano
28 Settembre 2020
Eventi, In evidenza, Personaggi
Una Mostra per Pietro Coccia
Pietro Coccia

Domenica 18 ottobre inaugura a Todi la mostra Parliamo di cose belle, 30 scatti del fotografo del cinema Pietro Coccia, prematuramente scomparso, all’improvviso, il 2 giugno del 2019. I curatori sono gli amici e colleghi Letizia Giambalvo e Vitaliano Napolitano.

La mostra, che per la prima volta espone i lavori di Pietro, è un evento del festival di fotografia contemporanea Todimmagina diretto da Marcello Mencarini, e si terrà al palazzo del Vignola.

Gentile, ironico, coltissimo, Pietro Coccia era una figura ben nota al mondo del cinema italiano e in parte anche internazionale, imprescindibile ai festival di Cannes e Venezia, amico e il confidente di moltissime star.

Il titolo della mostra a lui dedicata nasce da una frase che ripeteva spesso agli amici: «parliamo di cose belle». Perché quando era in compagnia, Pietro desiderava lasciarsi alle spalle i problemi e affrontare la vita con gioia.

Gli scatti che vedrete rappresentano soltanto una piccolissima parte dell’immenso archivio, ancora da catalogare, che Pietro ha lasciato dopo aver lavorato per 30 anni in tutto il mondo a documentare il cinema italiano e internazionale.

Vi troverete ritratte le più grandi star: Brad Pitt, Cate Blanchett, Martin Scorsese, Harrison Ford con la moglie Calista Flockhart e George Clooney con Amal, Scarlett Johansson accompagnata da Joaquin Phoenix, Jane Fonda con Robert Redford, Angelina Jolie insieme a Clint Eastwood. E ancora, Sofia Loren, Quentin Tarantino con Gabriele Salvatores, Roberto Benigni, Ennio Morricone con Giuseppe Tornatore, Sabrina Ferilli e Toni Servillo con Paolo Sorrentino.

C’è l’ultima foto “importante” di Pietro, scattata a Cannes nel 2019, che immortala la regista Lina Wertmuller con Leonardo Di Caprio e Giancarlo Giannini. Di Caprio si era presentato a sorpresa a omaggiare Lina, a cui era stato appena assegnato l’Oscar alla carriera. Pietro scattò, e fu pubblicato da tutti i giornali del mondo.

C’è un ritratto dell’attrice Madalina Ghenea, sua grande amica, musa e ispiratrice, che volle rimanergli vicina anche durante la tumulazione. Un altro di Nastassja Kinski, anche lei grande amica di Pietro, che frequentava anche il suo ex marito Quincy Jones, e un altro ancora dell’amico regista Wim Wenders.

Nanni Moretti, anche lui presente nella galleria di immagini, quando incontrava Pietro lo chiamava “Maestro”, Carlo Verdone è ritratto in esclusiva a New York, i fratelli Enrico e Carlo Vanzina ancora insieme, all’inaugurazione della mostra romana dedicata al padre Steno, in occasione del centenario dalla nascita nel 2017.

Pietro Coccia è nato a Roma il 19 luglio 1962.

Apparteneva a una famiglia coltissima: il padre Michele, celebre latinista dell’università La Sapienza di Roma, era stato uno degli allievi prediletti del leggendario Ettore Paratore, la mamma Emilia La Rosa aveva studiato con Giuseppe Ungaretti. Laureato in Lettere con una specializzazione in Storia dell’arte, Pietro si era appassionato alla fotografia fin da ragazzo. Per oltre 30 anni ha girato il mondo seguendo i principali eventi cinematografici per una infinità di testate giornalistiche e collaborando a lungo con Rai Cinema.

Paliamo di cose belle

Todimmagina

16 – 25 ottobre 2020

Curatori: Letizia Giambalvo e Vitaliano Napolitano

Orario di visita: 9-19

Vernice: 18 ottobre ore 18

Palazzo del Vignola – Via del Seminario, Todi (Perugia)

https://todimmagina.it/mostre/pietro-coccia/

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy