L’assedio, sulla RdC di maggio

Nel nuovo numero di maggio della Rivista del Cinematografo, la guerra e le conseguenze sullo spettatore e sull'industria cinematografica, tra realtà e immaginario
29 Aprile 2022
Business, Educational
L’assedio, sulla RdC di maggio

Alla luce di questa terribile pagina di guerra cui stiamo assistendo, la cover story del numero di maggio della Rivista del Cinematografo (disponibile dal 1° maggio e acquistabile al link www.cinematografo.it/riviste/ o scrivendo a abbonamenti@entespettacolo.org) propone una visione originale sulla figura del nemico, dalla realtà all’immaginario. «Dalle grandi guerre al Vietnam il nemico è sempre stato riconoscibile, utile per la propaganda e a fini promozionali. Dopo le Torri Gemelle si è fatto più sfuggente e indecifrabile. Fino a oggi» sostiene, nel suo approfondimento, Silvio Danese.

Quanto la guerra tra Russia e Ucraina può influire anche sull’andamento dell’industria cinematografica? Risponde a questa domanda Daniel Loria, il direttore editoriale di Boxoffice, l’importante rivista statunitense considerata una sorta di bibbia degli affari dello spettacolo, quella che “tiene la contabilità” di un’industria tra le più diffuse del pianeta.

E poi Top Gun: Maverick, il sequel del cult del 1986, arriva in sala mentre il mondo riscopre la paura del conflitto, da esorcizzare con la narrazione cinematografica. Ne parla Giulio Zoppello.

A completare la cover story, il disegno di Takoua Ben Mohamed, fumettista e graphic-journalist di origine tunisina, tra le donne dell’anno segnalate da D – la Repubblica.

Numerosi, inoltre, i focus oltre la coverstory.

Il sipario sta per alzarsi sul 75° festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio): Angela Prudenzi parla di «un’edizione in linea con i fasti di prima della pandemia salutata con sollievo da produttori e venditori e attesa con grande emozione dagli autori chiamati ad affrontare la mitica ‘Montée de marche’».

Tra le tendenze, le nuove rotte dell’horror europeo: quali scenari? Il commento di Alessandro De Simone.

Non mancano le consuete rubriche della Rivista del Cinematografo: per la rubrica RdC Ricorda, in occasione degli 80 anni del Mistero del falco, dagli archivi della Rivista un’intervista del 1969 di Mario Foglietti a John Huston. Torna anche Nadia Terranova che, in Se fosse un film, immagina l’adattamento cinematografico della raccolta di racconti Fammi un indovinello di Tillie Olsen. Lisa Ginzburg per Sillabari propone, come parola del mese, “altrove”: da un lato in accezione negativa con Lady Diana Spencer, perché è proprio altrove che la principessa vorrebbe trovarsi, dall’altro in accezione positiva con Belfast di Kenneth Branagh in cui «l’intera trama trova il suo snodo nell’irruzione di un altrove immaginato, ignoto ma in modo progressivo più concreto e possibile». Gianni Riotta muove da Destino Cieco (1987) del regista polacco Krzysztof Kieślowski e da L’Ascesa (1977) della regista russa Larisa Efimovna Šepit’ko per un’analisi sulle reazioni generate da quanto sta accadendo in Ucraina.

Nello spazio dei libri, la recensione di Billy Wilder. Inviato speciale. Cronache da Berlino a Vienna tra le due guerre curato da Noah Isenberg e pubblicato in Italia da La nave di Teseo con traduzione di Alberto Pezzotta.

Come sempre, i critici della Rivista del Cinematografo offrono una guida ai film in sala con recensioni dei film. Tra le altre: Alcarràs, l’Orso d’Oro della Berlinale firmato Carla Simón e i film in concorso rispettivamente al XXIV e XXV Tertio Millennio Film Fest: Adoration di Fabrice Du Welz e Il capitano Volkonogov è scappato di Aleksey Chupov e Natasha Merkulova.

Ampio spazio dedicato alla serialità con le recensioni delle serie tv, tra le quali AntidisturbiosSlow HorsesLe fate ignoranti e la seconda stagione di Euphoria.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy