La crisi si è fermata a Torino

2009 d'oro per la Film Commission Piemonte. Aumentano produzioni e occupazioni, grazie anche alle fiction Tv
14 Gennaio 2010
La crisi si è fermata a Torino

(Cinematografo.it/Adnkronos) – Un “bilancio estremamente positivo in un anno difficile a causa della crisi”. Così il presidente della film Commission Torino Piemonte, Steve Della Casa, ha presentato insieme agli assessori alla Cultura di Regione e Comune, Gianni Oliva e Fiorenzo Alfieri, il consuntivo dell’attività produttiva 2009 dell’ente che, lo scorso anno, ha sostenuto, fra l’altro, 11 lungometraggi, fra cui titoli come La Prima Linea, La Solitudine dei Numeri Primi e Noi Credevamo, 10 fiction, come Due mamme di troppo la cui lavorazone é ancora in corso, Nebbie e Delitti 3 e Il Mostro di Firenze che é stato girato quasi interamente in Piemonte, 13 spot pubblicitari e videoclip e la soap opera Centrovetrine alla quale presto potrebbe essere affiancata una nuova produzione sempre a Telecittà.
E proprio le fiction tv, sulle quali la Fctp punta anche per il 2010, hanno permesso di aumentare le settimane di lavorazione, 160 in tutto, e la “forza lavoro” locale, 580 tecnici, un centinaio di attori e ben 8 mila 690 comparse. Il tutto con un budget speso dalle produzioni di oltre 30 milioni di euro. “Per la Film Commission – ha sottolineato Della Casa – che guarda in modo particolare al dato occupazionale, questi dati sono molto importanti. Noi abbiamo tre carte da giocare, la forte organizzazione professionale che abbiamo sul territorio, il fatto che non chiediamo il vincolo dell’ambientazione, cosa che ha dato i suoi frutti, e il Cineporto”.
La nuova struttura, che praticamente si autofinanzia, ha avuto, ha detto Della Casa, “una capacità attrattiva molto forte, in certi casi decisiva, tanto che la media del dato di occupazione degli spazi che offre è stata del 70%”. E nei prossimi mesi potrebbe anche arrivare una novità per il Cineporto, in particolare la sua sala Movie, al momento utilizzata dalle produzioni per visionare i gironalieri. “Ci piacerebbe – ha spiegato il presidente di Fctp – fare una programmazione off, in particolare di documentari e corti italiani, ma bisogna prima fare un piano finanziario e trovare risorse fuori dal nostro bilancio”.
Un bilancio di circa 4 milioni di euro coperti dal Comune per circa un milione e dalla Regione per la parte restante con contributi ad hoc di Fondazione Crt e Compagnia San Paolo. E il futuro? “Credo – ha osservato Della Casa – che lavoreremo molto sulla fiction e che avremo una sostanziale parità, rispetto al 2009, dei documentari. Ma ovviamente continueremo a muoverci anche sul cinema, in particolare d’autore, ma sul fronte cinematografico é difficile fare previsioni anche se posso dire che ci sono già delle produzioni in corso o che stanno per partire e molte trattive su numerosi progetti”. Fra i titoli sicuri Maschi contro Femmine e Femmine contro Maschi, i film a episodi di Fausto Brizzi con Ficarra e Picone, Claudio Bisio e Paola Cortellesi, la miniserie per Rai Uno Il campione e il bandito su Costante Girardengo e Sante Pollastri, la seconda parte della lavorazione della fiction Fuori Classe con Luciana Littizzetto, mentre sono in previsione anche il nuovo film di Andrea Molaioli, Il Gioiellino, sullo scandalo Parmalat e la fiction su Fred Buscaglione diretta da Davide Ferrario con Filippo Timi e prodotta da Claudia Mori. E non si esclude anche una fiction con Sabrina Ferilli. Insomma, un lavoro che sta dando i suoi frutti, anche per il territorio, basti pensare che per ogni euro investito dalla Film Commission si calcola un ritorno fra i 20 e i 22 euro.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy