Giurato e gentiluomo

"Rapporto speciale con il cinema italiano, felice di ritrovare a Venezia Bellocchio", dice il presidente di Orizzonti Jonathan Demme
Giurato e gentiluomo

Un signore al Lido, Jonathan Demme. Presiede la Giuria di Orizzonti, ha in uscita il suo ultimo film, che ha inaugurato con successo il festival di Locarno: Dove eravamo rimasti (Ricki and the Flash), protagonista la rocker Meryl Streep, dal 10 settembre nelle nostre sale con Warner.

“Le donne – dice il regista de Il silenzio degli innocenti – sono il sesso forte, pur avendo dovuto subire e subendo ancora oggi la patriarchia. Sono i miei eroi, le tifo da sempre e mi piace raccontare le donne che, pur partendo da sfavorite, riescono a seguire la propria strada”.

Ma il signore Demme, pur avendo Sangue del mio sangue quale diretto concorrente nel weekend in sala, non lesina i complimenti a Marco Bellocchio: “Da sempre ho un rapporto importante e prezioso con il cinema italiano. Da teenager sono cresciuto con i vostri maestri, gente come Rossellini, De Sica, Monicelli. Una relazione che ho mantenuto negli anni, quella con il cinema italiano, e oggi sono felice di trovare in gara a Venezia Bellocchio, che conosco dai tempi de La Cina è vicina e di cui, più recentemente, ho apprezzato a Cannes Vincere”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy