EFA2018, trionfa Cold War

Pawlikowski sopra a tutti agli Oscar europei: miglior film, regia, sceneggiatura, montaggio e attrice (Joanna Kulig). L'Italia ride grazie a Marcello Fonte (miglior attore per Dogman), a Chiamami col tuo nome premiato dal pubblico e al corto Gli Anni di Sara Fgaier
EFA2018, trionfa Cold War

Il calore di Siviglia e del flamenco ha premiato il jazz e la fredda guerra (ma bollente nel racconto) di Cold War, il film di Pawel Pawlikowski già premiato con la regia a Cannes e tra i favoriti al prossimo Oscar per il film straniero. Il mélo storico che Pawlikowski ha dedicato ai genitori, di cui parafrasa la storia, ha vinto 5 EFA (European Film Awards): miglior film, regia, sceneggiatura, attrice protagonista – la miracolosa Joanna Kulig – e montaggio.

Cold War (Zimna wojna)


Sconfitti Alice Rohrwacher, 4 nomination ma vincitrice con Lazzaro Felice del premio degli studenti, e Matteo Garrone, il cui Dogman ha però vinto il premio per il miglior attore Marcello Fonte, che bissa meritatamente il premio vinto a Cannes, più due premi tecnici per i costumi e il trucco.

Dogman


Anche gli altri contendenti ai premi principali si accontentano delle briciole: Girl, l’opera prima di Lukas Dhont, ha vinto il premio FIPRESCI come scoperta dell’anno, e Border di Ali Abbas, la sorpresa dell’anno, ha fatto il pieno di nomination ma porta a casa solo l’EFA per i migliori effetti speciali.

L’Italia torna a casa anche con due altri importanti premi: il premio del pubblico con Call Me by Your Name di Luca Guadagnino, votato on line dagli spettatori europei, e quello per il miglior cortometraggio assegnato a Gli anni, diretto da Sara Fgaier e già apprezzato alla Mostra del Cinema di Venezia.

L’animazione documentaristica e politica di Another Day of Life vince il premio per il miglior film animato e Bergman – A Year in the Life quello per il miglior documentario.
Ben 3 i premi onorari assegnati dall’Accademia europea: a Ralph Fiennes per il contributo europeo al cinema mondiale, a Carmen Maura il premio alla carriera dell’Academy (la sua lotta per parlare inglese il momento più spassoso della serata) e a Costa-Gavras, il premio onorario dell’Accademia: la sua compostezza e precisione nelle parole è stato invece il momento più toccante.

È stata la verità, in un mondo dominato da bufale e fake news, il filo conduttore della serata che ha cercato di celebrare l’unità europea e la fertile diversità delle nazioni che compongono l’unione, usando tanto la retorica quanto l’umorismo: il discorso di Armando Iannucci, premiato come regista della miglior commedia europea con The Death of Stalin, si chiude con una pernacchia. Messaggio forte e chiaro per chi cerca Brexit, Italexit o, come ha chiosato la conduttrice Rossy De Palma, una Sexit (Spain Exit) davvero poco sexy.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy