Black Power

65 anni fa, in Alabama, Rosa Parks si rifiutò di cedere il posto su un autobus a un bianco: cambiò la storia dei diritti civili. E anche quella del cinema americano
Black Power
John David Washington, Laura Harrier in BlacKkKlansman © 2018 FOCUS FEATURES

Il 1º dicembre 1955, a Montgomery in Alabama, la sarta Rosa Parks tornava a casa in autobus. Non trovando altri posti liberi, occupò il primo sedile collocato dietro all’area riservata ai passeggeri bianchi: un settore accessibile sia ai bianchi che ai neri, ma dove i secondi avevano l’obbligo di cedere il posto ai primi qualora non vi fossero altri posti riservati ai bianchi disponibili.

Dopo tre fermate, l’autista James F. Blake le chiese di alzarsi: un passeggero bianco era salito dopo di lei, perciò doveva spostarsi in fondo all’autobus. Rosa Sparks si rifiutò di lasciare il suo posto. Il conducente fermò l’autobus e chiamò due agenti di polizia. Rosa Parks fu arrestata e incarcerata per condotta impropria e per aver violato le norme cittadine.

Così, sessantacinque anni fa, Rosa Sparks cambiò la storia dei diritti civili.

E da allora anche il cinema è cambiato. Per capire come il grande schermo, nel corso di oltre mezzo secolo, si è confrontato con il razzismo di ieri e quello di oggi, riproponiamo due interventi direttamente dai nostri archivi.

Il primo è firmato da Claudio G. Fava, che nell’agosto del 1968 prese parte a un’ampia inchiesta della Rivista del Cinematografa intitolata proprio a Cinema e razzismo. Una lunga riflessione critica che parte dagli effetti del black power e tocca anche “altri razzismi”.

Il secondo, pubblicato nel settembre 2018, è di Roberto Minervini, regista italiano che narra dall’interno l’America più profonda. Come in Che cosa fare quando il mondo è in fiamme, na riflessione sul razzismo e insieme il ritratto intimo di una comunità segnata dalle brutali uccisioni di giovani africani da parte della polizia. Una lettura attualissima, nell’anno segnato dalla morte violenta di George Floyd.


L’intero archivio digitale della RdC (1928-2020) è finalmente disponibile per i nostri abbonati: info e modalità di sottoscrizione


Che fare quando il mondo è in fiamme?

Mai come negli ultimi dieci anni gli autori afroamericani hanno offerto uno sguardo diverso sulle storie, spaziando dal film civile al period drama sulle lotte per i diritti fino alla commedia horror e al cinecomic Marvel. Sono stati gli anni di Jordan Peele, Ryan Coogler, Barry Jenkins, Ava DuVernay, ma anche quello in cui Spike Lee – che di tutti loro è il maestro, il punto di riferimento, la coscienza critica – ha vinto l’Oscar alla carriera.

Gli anni delle contestazioni per le nomination di soli attori bianchi e quelli delle vittorie di 12 anni schiavo e Moonlight, del successo mondiale di Black Panther e dell’ascesa di Viola Davis, Michael B. Jordan, Mahershala Ali, Lupita Nyong’o, il compianto Chadwick Boseman.

Ed ecco i film per entrare nel cuore del black power.

12 anni schiavo

Fruitvale Station

Selma

Barriere

Il diritto di contare

Loving

Scappa: Get Out

Detroit

BlacKkKlansman

Che fare quando il mondo è in fiamme?

Green Book

Noi

Il diritto di opporsi

One Night In Miami

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy