Addio a James Horner

E' morto il celebre compositore, due volte premio Oscar per Titanic. Aveva 61, è precipitato con il suo aereo
Addio a James Horner

E’ morto James Horner, il compositore di musica da film due volte premio Oscar, celebre per le colonne sonore, tra le altre, di Braveheart e Titanic. E’ morto lunedì 22 giugno in un incidente aereo vicino a Santa Barbara: aveva 61 anni. La sua morte è stata confermata da Sylvia Patrycja, che compare sulla pagina di Horner quale sua assistente: “Abbiamo perso una persona straordinaria di grande cuore e incredibile talento – ha scritto su Facebook – è morto facendo ciò che amava. Grazie per il vostro supporto e il vostro amore, ci vediamo lungo la strada”. Horner stava pilotando un piccolo aeroplano, registrato a  suo nome, quando è precipitato 60 km a nord di Santa Barbara.
Per il suo lavoro in Titanic diretto da James Cameron e trionfatore nel ’97 agli Academy Awards, Horner mise in bacheca due statuette: colonna sonora e canzone originale, la celeberrima My Heart Will Go On, con il testo di Will Jennings e l’interpretazione di Celine Dion. Il suo score per Titanic ha venduto la bellezza di 27 milioni di copie in tutto il mondo.

La sua partnership creativa con Cameron ha centrato altre nomination agli Oscar con le soundtrack di Aliens (1986) e Avatar (2009), di cui Horner stava lavorando ai sequel. Complessivamente il losangelino Horner, figlio del due volte premio Oscar scenografo Harry, ha centrato 10 nomination agli Academy Awards con titoli quali Braveheart (1995), A Beautiful Mind (2001), An American Tail (1986), Field of Dreams (1989), Apollo 13 (1995) e House of Sand and Fog (2003).

Tantissimi i messaggi di cordoglio, tra cui quelli di Celine Dion: “Rimarrà per sempre un grande compositore nei nostri cuori. James ha giocato un ruolo importante nella mia carriera. Ci mancherà” e del compositore francese Alexandre Desplat, premio Oscar per The Grand Budapest Hotel: “Abbiamo perso uno dei nostri colleghi più talentuosi e stimati. La sua musica rimarrà per sempre”.

Lascia una recensione

1 Comment on "Addio a James Horner"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Giacomo Atzeni
Ospite

Bellissimo articolo Federico. Chi ama le colonne sonore lo conosce bene. Era considerato il Miklos Rosza dei nostri tempi, per il tipo di pomposità delle sue composizioni. Peccato! Io lo preferivo anche a John Williams e altri.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy