100autori plaude

"L’approvazione del Decreto Sostegni bis rappresenta un passo importante per tutti gli autori dell’audiovisivo": leggi
27 Maggio 2021
Business, In evidenza
100autori plaude
Roberto Andò

L’approvazione del Decreto Sostegni bis – pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale –  rappresenta un passo importante per tutti gli autori dell’audiovisivo e per la tutela dei lavoratori dello spettacolo drammaticamente colpiti dalla crisi pandemica che ha evidenziato  la necessità di interventi specifici e non più rimandabili.

Oltre allo stanziamento di nuove risorse destinate a rifinanziare misure urgenti, 100autori accoglie con enorme favore, dopo 4 anni di denunce e battaglie, l’introduzione del meccanismo di attribuzione agli autori (soggettisti, sceneggiatori e registi) di una percentuale dei contributi automatici, prima destinati interamente  alle case di produzione.

Con la modifica ai decreti automatici da noi fortemente voluta si ristabilisce un principio di relazione tra autori e esito commerciale, distributivo e artistico dell’opera – afferma Stefano Sardo, Presidente 100AUTORI. Fino a ieri ci trovavamo in un sistema che escludeva l’autore, dal punto di vista economico, dal destino della sua opera, col risultato di penalizzare l’industria stessa: dove le buone idee valgono quanto quelle scadenti, il prodotto non può essere competitivo. Introducendo un meccanismo di redistribuzione agli autori nella sua legge cinema, il Ministro Franceschini si è dimostrato vicino a quella parte creativa che è l’elemento più prezioso di ogni industria audiovisiva che vuole prosperare.”

I contributi automatici erano l’autentica innovazione della Legge CINEMA Franceschini 220/2016: risorse finanziarie maturate dagli operatori della filiera di produzione e distribuzione in proporzione al successo economico (nazionale e internazionale), culturale e artistico di film e serie tv e versati alle imprese con obbligo di essere reinvestiti nella produzione di nuove opere di nazionalità italiana.

Adesso i contributi automatici verranno finalmente ripartiti anche tra gli autori del soggetto, della sceneggiatura e al regista.

Gli interventi del Decreto introducono importanti novità: vengono infatti apportati numerosi correttivi volti a garantire anche agli autori la maturazione dell’annualità di contribuzione necessaria per l’accesso al trattamento pensionistico.

In particolare, per gli sceneggiatori e registi, i contributi giornalieri richiesti per il raggiungimento dell’annualità di contribuzione sono ridotti da 120 a 90, come anche 100autori aveva chiesto.

“Il decreto introduce misure significative per assicurare adeguate tutele assistenziali e previdenziali che anche 100autori aveva più volte proposto e sostenuto. Un ringraziamento al Ministro Franceschini per il decreto d’importanza storica e al DG Cinema,  Nicola Borrelli, per il poderoso lavoro di coordinamento di tutta la filiera ”  afferma il portavoce dei 100AUTORI, Roberto Andò.

100autori plaude al Ministro della Cultura Dario Franceschini e al Ministro del Lavoro Andrea Orlando che da oggi garantiscono agli autori  fondamentali tutele, sia sul piano dei diritti che su quello del welfare.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy