Flashdance

USA 1983
Alex, moderna ragazza diciottenne, lavora come saldatrice in una grande officina di Pittsburgh, Pennsylvania e la sera arrotonda il salario ballando la Flashdance in un locale notturno. Tuttavia, il suo sogno è fare la ballerina di professione e a sostenerla nell'idea c'è Hanna, un'anziana amica ex danzatrice classica. Nel frattempo, Alex fa conoscenza con Nick, il suo giovane datore di lavoro, divorziato. Tra i due si instaura un rapporto che sembra destinato a durare, fino a quando lei, viene a sapere che Nick sfrutta le sue conoscenze per facilitarle l'entrata nell'accademia di danza. Alex rompe l'amicizia, offesa nel suo orgoglio personale, ma poi ci ripensa, si pente, rifà pace e decide di affrontare il provino di ammissione...
SCHEDA FILM

Regia: Adrian Lyne

Attori: Jennifer Beals - Alex Owens, Michael Nouri - Nick Hurley, Lilia Skala - Hanna Long, Sunny Johnson - Jeanie Szabo, Kyle T. Heffner - Richie, Lee Ving - Johnny C, Ron Karabatsos - Jake Mowby, Belinda Bauer - Katie Hurley, Malcolm Danare - Cecil, Philip Bruns - Frank Szabo, Micole Mercurio - Rosemary Szabo, Cynthia Rhodes - Tina Tech, Don Brockett - Pete, Lucy Lee Flippin - Segretaria, Richard Colon - Crazy Legs, Liz Sagal - Sunny, Wayne Frost - Frosty Freeze, Durga McBroom - Heels, Stacey Pickren - Margo, Norman Scott - Normski, Marc Lemberger - Mr. Freeze, Kenneth Gabbert - Prince Ken Swift

Soggetto: Thomas Hedley Jr.

Sceneggiatura: Thomas Hedley Jr., Joe Eszterhas

Fotografia: Don Peterman

Musiche: Giorgio Moroder

Montaggio: Walt Mulconery, Bud S. Smith

Scenografia: Charles Rosen

Costumi: Michael Kaplan

Effetti: Michael Lantieri

Durata: 89

Colore: C

Genere: COMMEDIA

Specifiche tecniche: NORMALE

Produzione: POLYGRAM PICTURES

Distribuzione: CIC - CIC VIDEO

NOTE
- OSCAR 1983 PER LA MIGLIOR CANZONE.
CRITICA
"Un film molto fortunato: costato sette milioni di dollari, ne ha incassati 150 soltanto negli Stati Uniti. Un bell'investimento, insomma. Ma pare che il successo non sia fortuito: gli ingredienti del film sembrano dosati per un computer. E' non è un complimento." (Francesco Mininni, 'Magazine italiano tv')

"Il filo conduttore è esile e fragile ma questo rockfilm ha dalla sua una buona descrizione psicologica dei personaggi, una brillante cornice coreografica, una fotografia calda e carezzevole, attori simpatici." (Laura e Morando Morandini, 'Telesette')