Whiskey Tango Foxtrot

USA - 2016
Whiskey Tango Foxtrot
Talvolta serve dire "WTF" (codice militare abbreviato per "Whiskey Tango Foxtrot") per scoprire la vita a cui siamo destinati da sempre. Questo è esattamente quello che accade alla producer di notiziari per la tv via cavo Kim Baker quando si rende conto che alla sua esistenza manca qualcosa e decide di "mandare tutto all'aria" partendo per una folle missione WTF in Afganistan. Qui, in mezzo a un'incredibile varietà di avventurieri, militari, signori della guerra e a un caos pazzesco, Kim trova qualcosa di inaspettato: la forza che non aveva mai saputo di avere.
  • Durata: 112'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, GUERRA
  • Tratto da: libro "The Taliban Shuffle: Strange Days in Afghanistan and Pakistan" di Kim Barker
  • Produzione: LORNE MICHAELS, TINA FEY, IAN BRYCE PER BROADWAY VIDEO, LITTLE STRANGER
  • Distribuzione: UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY
  • Data uscita 19 Maggio 2016

TRAILER

CRITICA

"Non siamo nel grottesco di Altman o Nichols, né 'Mash' né 'Comma 22', ma il film cresce a gradi e alla fine ci accorgiamo che ha mirato al cuore burocratico del conflitto, alla stupida rivalità del mestiere delle armi e della gelosia. E' vero mockumentary perché sfoglia il realismo da reportage tg e la fiction di una donna (Tina Fey) che gioca sulla sua pelle il dramma del secolo, puntando diritto alla responsabilità, senza paura di rivolgersi direttamente a oggi." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 19 maggio 2016)

"Piacerà per la scatenata interpretazione di Tina Fey, per la presenza «arrapante» di Margot Robbie e per osservazioni non banali sulle guerra infinita nel regno dei talebani." (Giorgio Carbone, 'Libero', 19 maggio 2016)

"Linguaggio militaresco, vale a dire turpiloquio spinto. Poche le emozioni, però non ci si annoia." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 19 maggio 2016)

"Basato sulle avventure della vera Barker (...) la commedia diretta da Glenn Ficarra e John Requa e interpretata da Tura Fey, una delle più brillanti 'comedian' americane, è il divertente ritratto di una donna che cerca di ricostruire la propria vita in una zona calda del mondo in cui tutto il resto sembra crollare e che scopre la sua vera vocazione. Ma se il film mette in scena, anche con satira, i disagi della protagonista nel far fronte a situazioni per le quali è completamente impreparata (... ) dall'altra riflette su quella eccitazione di cui sono 'vittime' i reporter sul fronte, drogati di emozioni forti e incapaci di riadattassi a una vita normale nel 'civile Occidente'." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 20 maggio 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy