Un Natale stupefacente

ITALIA - 2014
Alla vigilia delle feste natalizie, zio Remo e zio Oscar sono improvvisamente costretti a prendersi cura del loro nipotino di 8 anni; i genitori del bambino, infatti, sono stati erroneamente arrestati per coltivazione di sostanze stupefacenti. I due zii sono molto diversi tra loro e inadeguati a tale compito come ben si accorgono gli assistenti sociali che si stanno prendendo cura del caso. Tra equivoci e bizzarre situazioni, Remo e Oscar, con l'aiuto di Marisa, ex moglie del primo, e di Genny, la nuova fidanzata del secondo, cercheranno in ogni modo di impedire che il bambino venga mandato in un istituto...

CAST

CRITICA

"(...) 'Un Natale stupefacente', pieno di sorprese, equivoci, risate, colpi di scena. Al 31 anno di vita, il cinepanettone , prodotto da Aurelio e Luigi De Laurentiis e diretto da Volfango De Biasi, cambia sapore, diventa una commedia senza volgarità, con protagoniste donne pensanti, uomini spaesati, caprette golose di marjuana e anziane signore dalle imprevedibili attività (...). Lo sforzo è lodevole, Ambra in guepiere imperdibile, e se qualcuno avrà nostalgia delle vecchie risatacce vacanziere vorrà di re che non ha ancora capito quanto, e ovunque, i tempi siano davvero cambiati." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 18 dicembre 2014)

"Un dramma? No, la commedia italiana più divertente del Natale 2014 grazie a due grandi Lillo e Greg e al piccolo ma già bravissimo Niccolò Calvagna (8 anni). In una villa di campagna andrà in scena una sagra degli equivoci dove gli adulti recitano tutti una parte. C'era una volta il cinepanettone. Ora è diventato un'esilarante pochade con tre parolacce di numero e cinque attori formidabili oltre il trio protagonista: Minaccioni (...), Angiolini (...), Calabresi (...), De Filippis e Montanari (...). La Filmauro prosegue la 'stupefacente' svolta iniziata da 'Colpi di fulmine' (2012) ora completata nel segno di Lillo e Greg." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 18 dicembre 2014)

"Col nuovo timoniere De Biasi (già sperimentato sceneggiatore di 'Colpi di fulmine' e 'Colpi di fortuna') la premiata ditta Filmauro presenta un cinepanettone totalmente inedito per toni, temi e naturalmente cast. Siamo anni luce dai 'Natale a...' con Boldi e De Sica diretti da Parenti, e questo grazie allo spirito evergreen di patron De Laurentiis che intuisce i desideri del pubblico prima che il pubblico stesso li conosca. Ora alla prova del botteghino, sperando che il rischio di una commedia divertente ma non volgare sia compensato." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 18 dicembre 2014)

"Beh, è il più gustoso dei cinepanettoncini natalizi. Ma non ci voleva molto. (...) Si ride, anche se con moderazione." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 18 dicembre 2014)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy