Un caso di coscienza

ITALIA - 1970
Salvatore Vaccagnino un giovane avvocato di Maddà, legge su un rotocalco femminile - nella rubrica di corrispondenza tenuta da un sacerdote - la lettera, naturalmente anonima, di una sua concittadina, che confessa d'aver tradito il marito. Sicuro della fedeltà di sua moglie Rita, Salvatore convoca i più rispettabili cittadini di Maddà divertendosi a seminare il dubbio. Mentre le ricerche non approdano a nulla, da una seconda lettera, Salvatore comincia a dubitare anche di sua moglie e, cerca in ogni modo di farla crollare, facendo leva anche sulla sua presunta sterilità. L'adultera però non viene scoperta e la cittadina torna alla normalità, finché un giorno sarà proprio la colpevole a giocare a carte scoperte...
  • Durata: 113'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: KODAKCOLOR
  • Tratto da: racconto omonimo di Leonardo Sciascia
  • Produzione: MAURIZIO LODI FE' PER MARS PRODUZIONI
  • Distribuzione: PARAMOUNT
  • Vietato 14

CRITICA

"Il film ha i suoi momenti migliori quando fedele alla fonte letteraria, ne conserva gli spunti satirici, per il resto, ed è la maggior parte, scade nella farsa." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 68)

"Produzione e regia (...) hanno puntato sullo spettacolo, ma nonostante i loro sforzi di fare della pellicola un divertimento piccante e basta, la materia fornita da Sciascia ha lasciato nella loro fatica una traccia fumigante (che) fa pensare anche senza averne voglia (...). La materia trattata (...) si impone con una carica morale inaspettata." (Ermanno Comuzio, 'Cineforum', agosto 1970).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy