Un amore sopra le righe

Monsieur & Madame Adelman

FRANCIA - 2016
Quando Sarah incontra Victor nel 1971, non immagina che diventerà uno dei più importanti scrittori francesi e che passeranno insieme 45 anni pieni di passioni, tradimenti, delusioni e successi. Ma chi è veramente la donna che vive all'ombra del celebre marito? Il film narra le vicende amorose e i segreti inconfessabili di una coppia molto fuori dal comune, sullo sfondo della storia dell'ultimo mezzo secolo.

CAST

NOTE

- REALIZZATO CON LA PARTECIPAZIONE DI: CANAL+, FRANCE TÉLÉVISIONS, CINE +; IN ASSOCIAZIONE CON: CINÉVENTURE, INDÉFILMS 4, COFIMAGE 27, MANON 6, CINÉMAGE 10, UFUND; CON IL SOSTEGNO DI: LA RÉGION ÎLE-DE-FRANCE, LA PROCIREP ET L'ANGOA, SOFICINÉMA 11 DÉVELOPPEMENT, MANON PRODUCTION 5, A PLUS IMAGE DÉVELOPPEMENT 6, PALATINE ÉTOILE 12 DÉVELOPPEMENT, COFIMAGE DÉVELOPPEMENT 4.

CRITICA

"Nicolas Bedos (...) fa il verso a Woody Allen: l'amore che va e viene, lo psicanalista presente fino alla morte, la discussione su disperazione e humour ebraico fra Singer, Malamud, Bellow e Roth. (...) Un po' lungo e deciso ad essere carino anche nel drammatico, Bedos, polemista a sinistra noto in Francia, non si nega nulla, componendo un puzzle tra pubblico e privato. Jolly l'amore, prima Lelouch e poi cinico, fino quasi al 'ménage a trois'. Attori in gran forma parigina (...)." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 15 marzo 2018)

"Sembra un Lelouch, ma non è. (...) Attore e sceneggiatore, Bedos esordisce alla regia col cosiddetto 'film della vita', cronaca di un matrimonio borghese che cita addirittura 'Una moglie' di Cassavetes. Cerca di fare epopea sentimentale con le onde d'amore e destino di Victoir l'artista scapigliato e Sarah la musa razionale, ma s'allunga, s'accorcia, si ferma, finalmente in piedi quando estrae un mélo sull'emancipazione d'una donna. S'erano tanto amati." (Silvio Danese, 'Nazione-Carlino-Giorno', 15 marzo 2018)

"Una passione lunga 45 anni. Costellata di amore, tradimenti, incomprensioni, sostegno, successi, cadute. Comune a tante coppie (anche se 9 lustri, al giorno d'oggi, sono più unici che rari) che, magari, finiranno per ritrovarsi nel meraviglioso film diretto e interpretato abilmente da un Nicolas Bedos che, incredibile ma vero, dirige con il piglio di un veterano, pur essendo al suo esordio dietro la macchina da presa. Tanti snodi nel rapporto di coppia tra lo scrittore Victor e la sua musa Sarah, narrati con il gusto della semplicità, lasciando parlare i suoi meravigliosi interpreti, senza anteporsi a trama e protagonisti, mal comune di tanti (presunti) autori italiani. E quando la regia è così funzionale e messa al servizio di una storia, non può che beneficiarne il film. (...) Una bella pellicola che scarta il rischio di cadere nel melenso, nel didascalico, nell'utopico. Tutto è equilibrato, mai noioso, nonostante la lunghezza (anche se 15 minuti in meno sarebbero stati più funzionali). Una nota a parte merita la meravigliosa protagonista Doria Tillier, perfetta moglie e compagna, nominata ai César come miglior attrice. Fosse stata negli Usa, le avrebbero dato l'Oscar." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 15 marzo 2018)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy