Tutti in piedi

Tout le monde debout

FRANCIA - 2018
3/5
Tutti in piedi
Egoista e misogino, Jocelyn, un uomo d'affari di successo, cade sotto l'incantesimo di una vicina di sua madre, Julie. Come risultato di un fraintendimento, è costretto a usare una sedia a rotelle e ad atteggiarsi a una persona disabile per sedurla. L'equivoco, che inizialmente sembra essere solo un gioco divertente, diventa complicato quando Julie gli presenta sua sorella Florence che, costretta su una sedia a rotelle a seguito di un incidente stradale, non ha perso la voglia di vivere a pieno e sembra abbattere qualsiasi barriera col suo irresistibile sorriso. È allora che, in bilico sull'esile filo di una insostenibile bugia, Jocelyn inventa una doppia vita...
  • Altri titoli:
    Rolling to You
  • Durata: 107'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: SIDONIE DUMAS PER GAUMONT, LA BOÉTIE FILMS, POUR TOI PUBLIC PRODUCTIONS, TF1 FILMS PRODUCTION
  • Distribuzione: VISION DISTRIBUTION
  • Data uscita 27 Settembre 2018

TRAILER

RECENSIONE

di Costanza Morabito

In Tutti in piedi Franck Dubosc interpreta un quarantanovenne che fa finta di piacersi molto ma si piace molto poco, tanto che si spaccia sempre per qualcun altro pur di portarsi a letto quante più donne possibile.

Borioso ed egocentrico, Jocelyn è dirigente di un’azienda di scarpe sportive (“quelle di Uma Thurman in Kill Bill!”) e si prepara a correre la maratona di New York.

Quando la bella e giovane vicina di casa della madre appena morta pensa che sia un disabile motorio, Jocelyn è felice di cavalcare l’equivoco e assecondare la propria inclinazione alla menzogna per conquistarla facendo leva sulla compassione.

Ancora non sa che la ragazza (Caroline Anglade) ha una sorella maggiore, Florence (Alexandra Lamy), una donna bella, affascinante e piena di vita, costretta per davvero sulla sedia a rotelle. Come uscire dal vortice di menzogne adesso?

Da queste non originalissime premesse da commedia degli equivoci Franck Dubosc (oltre che protagonista, regista e sceneggiatore) riesce a ricavare una commedia romantica sensibile e divertente, che al suo centro ha dei personaggi ben scritti e credibili.

Se possiamo immaginare facilmente come andrà a finire il film, Dubosc arriva al traguardo evitando superficialità, con sentimento ed equilibrio. Alexandra Lamy interpreta con maestria ed energia un personaggio lucido e complesso a cui è affidata la credibilità dell’intera vicenda nonché del colpo di scena.

Tra sequenze visivamente accattivanti e romantiche (in primis quella della piscina) e personaggi secondari ben delineati, il film calibra rispetto e delusione delle aspettative.

Tutti in piedi ironizza sulla disabilità, ma lo fa con eleganza: quello di cui si ride è soprattutto la goffaggine di Jocelyn nel fingersi invalido, la goffaggine della sua bugia, mentre si ride con Florence della sua condizione, e se possiamo farlo è perché è innegabilmente il suo personaggio a trascinare il film, e perché, da spettatori, crediamo sinceramente che – come si suggerisce nel film stesso – la “disabilità” interiore del protagonista maschile sia invalidante quanto quella della sua controparte femminile.

Ma soprattutto, lungi dal voler azzerare ogni differenza sotto una coltre di buonismo, Tutti in piedi si gioca su una bugia che porta a galla la migliore verità del suo protagonista: Jocelyn è radioso quando mette in atto la sua menzogna ed è nella sua finzione (che fa rima con immedesimazione) che si concede di credere per davvero a un superamento delle differenze che, in nome dell’amore, saprà trascinare nella limpida verità.

NOTE

- PRODUTTORE ESECUTIVO: YANN ARNAUD.

- REALIZZATO IN CO-PRODUZIONE CON NEXUS FACTORY, UMEDIA, IN COLLABORAZIONE CON UFUND, CINEMAGE 12, CON LA PARTECIPAZIONE DI ENTOURAGE PICTURES, OCS, CINE+, TF1, TMC, CON IL SUPPORTO DI THE TAX SHELTER OF THE FEDERAL GOVERNMENT OF BELGIUM E GLI INVESTITORI DEL TAX SHELTER.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy