TRAINING DAY

USA - 2001
TRAINING DAY
Nella polizia di Los Angeles Jake Hoyt è ancora una recluta, e per essere assegnato alla squadra antinarcotici dell'esperto sergente Alonzo Harris non ha altra scelta che passare un'intera giornata al suo fianco. Con tredici anni di anzianità alle spalle e con il ricorso a metodi sempre tra legalità e corruzione, Harris è come al solito nei guai: un esponente di spicco della mafia russa lo vuole eliminare se non consegna entro la mezzanotte una forte somma di denaro. Harris certo non si rassegna e mette a punto un piano. Si presenta a casa di Richard, un ricercato già suo confidente, con un falso mandato di cattura, per incastrarlo, e prendere i suoi soldi ma l'irruzione finisce con una sparatoria. Dopo un po' allora Harris ordina a Jake di provvedere ad eliminare Richard. Ma il giovane, disgustato dal modo di fare di Harris, rifiuta e a sua volta lo minaccia. Quando la tensione arriva al culmine, Jake e Harris si affrontano. Harris picchia a sangue Jake, che malconcio si allontana. Anche Harris riprende la macchina ma, arrivato ad un semaforo, viene crivellato di colpi dai sicari della mafia russa.
  • Durata: 120'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, POLIZIESCO, THRILLER
  • Specifiche tecniche: 35 MM.
  • Produzione: WARNER BROS, OUTLAW PRODUCTIONS, NPV ENTERTAINMENT, VILLAGE ROADSHOW PRODUCTIONS
  • Distribuzione: WARNER BROS ITALIA, DVD WARNER HOME VIDEO (2002).
  • Data uscita 16 Novembre 2001

NOTE

- PRESENTATO FUORI CONCORSO ALLA 58^ MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA

- N.B. E' IL PRIMO RUOLO DI CATTIVO INTERPRETATO DA DENZEL WASHINGTON E GLI HA FRUTTATO L'OSCAR 2002 COME MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

CRITICA

Dalle note di regia: "Il film mette allo scoperto il lato oscuro della vita di un agente della narcotici che cammina sulla linea sottile fra il bene e il male e prende in esame una "guerra civile" in atto in America fra la gente e coloro che dovrebbero proteggerli ma che finiscono con essere quelli che temiamo di più."

"Trattandosi di un film puramente maschile c'è un po' troppa sindrome del Gatto Silvestro, per tirare in lungo con un accumulo di scene di violenza, pericolo e follia vista in tanti film. Però fa una certa impressione non tanto l'enfasi sulla crudeltà e corruzione della polizia americana anche agli altri livelli di cui abbiamo spesso letto sui giornali, quanto il paesaggio umano in scene girate pericolosamente dal vero, dei ghetti afroportoricani, occupati da immensi omoni palestrati e tatuati, minacciosi e feroci, criminali armati ma sfortunati, visto che rubando, spacciando e ammazzando, hanno l'aria di non avere un dollaro". (Natalia Aspesi, 'la Repubblica', 3 settembre 2001)

"'Training Day' è girato senza le solite spettacolarità da sfasciacarrozze né le crescenti violenze da macelleria. Se Fuqua avesse potuto dargli il finale logico (cattivo che vince, buono che perde), avrebbe realizzato un film insolito. Ma un film insolito non può nascere da Hollywood se non per un errore del 'sistema'. Che stavolta dà l'impressione di sbagliare, almeno fino a cinque minuti dalla fine delle due ore di proiezione". (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 3 settembre 2001)

"Thriller realistico ambientato nella polveriera del South Los Angeles (...) Diretto da Antoine Fuqua con forte presa spettacolare, è uno dei più interessanti film su Los Angeles". (Giovanna Grassi, 'Il Corriere della Sera', 7 dicembre 2001)

"Le inverosimiglianze sono tante. Tre per tutte: con una pallottola sparata a bruciapelo nel sedere, Washington tiene un monologo da mattatore saltellando avanti e indietro: una micidiale gang di spostati che sta per fare a pezzi Jake, si ferma per un improvviso rigurgito morale; il boss dei boss della droga vive da solo in una villetta isolata con quattromilioni di dollari sotto il pavimento. Ma dai!". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 21 dicembre 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy