SCACCO AL RE NERO

HARLEM

USA - 1993
SCACCO AL RE NERO
Ad Harlem, un grosso spacciatore locale, Roemello Skuggs, domina il quartiere di Sugar Hill col fratello maggiore Raynathan. La madre, tossicomane, è morta per overdose quando i due erano bambini, e il padre, un musicista è ora un tossicomane ed alcoolista. In passato aveva lavorato per Gus Molino, il boss italiano locale, ma divenuto inaffidabile era stato gambizzato dal suo gorilla Sal, ucciso a sua volta da Roemello. Frattanto questi in un night ha conosciuto Melissa, una bella mulatta aspirante attrice, e ne è attratto. L'arrivo di Lolly Jonas, uno spacciatore di crack che Gus vuole inserire nella zona, crea tensione. Roemello, sotto la spinta del sentimento che nasce tra lui e Melissa, pensa di ritirarsi, ma Lolly brucia vivo il suo guardaspalle, Ricky, padre di due figli: Melissa ne vede il cadavere e inorridita chiede a Roemello di allontanarsi dalla sua vita. Roemello tenta dapprima di trattare una tregua con Lolly, ma Raynathan ferisce uno dei suoi scherani e Roemello è costretto ad ucciderlo scampando poi ad un attentato in cui perde un giovane amico. Melissa, che ha accettato l'invito di Mark, un nero che si rivela per un sadico, si sottrae a stento alle sue violenze e torna così da Roemello che, ormai deciso ad andarsene via con la donna, ha lasciato la sua attività al fratello. Questi elimina Gus, Lolly e la banda rivale, dopo aver dato al padre un'overdose per farlo morire. Inorridito Roemello lo affronta ma nella colluttazione rimane gravemente ferito. Disperato, Raynathan si uccide. Roemello si trasferisce in Carolina, su una sedia a rotelle, ma con accanto Melissa: la nascita di un bimbo è la speranza di un futuro diverso.
  • Altri titoli:
    SUGAR HILL
  • Durata: 120'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Produzione: J & M ENTERTAINMENT - BEACON PICTURES - SOUTH STREET ENTERTAINMENT GROUP
  • Distribuzione: W.B. ITALIA (1995), C.G.G./FIN.MA.VI. (1999) - CECCHI GORI HOME VIDEO

NOTE

REVISIONE MINISTERO LUGLIO 1995 - (SECONDA EDIZIONE)

CRITICA

"Drammone all black diretto da un regista d'origine cubana (di Leon Ichaso ricordiamo 'El Super' in concorso a Venezia nel `79), il film è ottimamente servito da una fotografia e da una colonna musicale (si comincia con Duke Ellington...) di grande suggestione: qualità che non sottraggono tuttavia lo spettatore alla noia per la eccessiva dilatazione dell'impianto melodrammatico. Mancano soprattutto quelle accelerazioni di ritmo a cui Coppola e Scorsese ci hanno abituato raccontando le storie dei bravi ragazzi di Little Italy. Sfiora poi il ridicolo il doppio finale, la netta contraddizione con il pessimismo di tutto il film. Ammirevole è invece la recitazione misurata di Wesley Snipes (Romello), passato dopo questa esperienza a pellicole d'azione come 'Sol Levante', 'Demolition Man', 'Passenger 57' e 'Omicidio nel vuoto'." (Alfredo Boccioletti, 'Il Resto del Carlino', 20 agosto 1995)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy