RICERCATI: UFFICIALMENTE MORTI

EXTREME PREJUDICE

USA - 1987
RICERCATI: UFFICIALMENTE MORTI
Jack Benteen, un massiccio "ranger" texano, è deciso a far sparire dal paese in cui lavora, non lontano dalla frontiera messicana, la droga che si trova dappertutto. Chi traffica la droga dal Messico è un certo Cash Bailey, la cui ex amante Sarita Cisneros convive ora con Jack, un tempo suo amico d'infanzia. Nel frattempo arriva sul posto un commando di sei duri, ex-soldati che risultano ufficialmente morti in Vietnam, a Beirut e nel Laos, ma invece ben vivi e guidati dal violento Maggiore Paul Hackett (un ex-agente della CIA) per una missione che mira anch'essa a scardinare e distruggere i traffici di Cash. Le due azioni seguono in parallelo, ma spesso intersecandosi: il "ranger" fa la sua guerra personale al boss e ai suoi scagnozzi (che in un agguato uccidono il locale sceriffo); il manipolo comincia con il rapinare una banca, recuperando nel "caveau", con i molti soldi di Cash, anche documenti compromettenti in merito alla sua attività. Mentre Sarita è ritornata nel Messico natio tra le braccia del primo amante, Jack e Hackett decidono di tentare un assalto al covo del boss. Nella sparatoria generale si scopre che il Maggiore non è in realtà che un lestofante il quale, pur di avere denaro e documenti ha capeggiato l'impresa (presunta ufficiale e segretissima), assicurandosi le prestazioni degli ex-soldati e dando ad essa scopi di moralizzazione, però in combutta con il braccio destro di Cash (regolarmente poi ucciso dal Maggiore). Smascherato e ucciso Hackett all'ultimo momento dai suoi stessi uomini, ha luogo il duello risolutivo tra Jack e Cash con la vittoria del ranger.
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Produzione: BUZZ FEITSHANS
  • Distribuzione: MEDUSA DISTRIBUZIONE (1987) - AVO FILM

CRITICA

La regia, bada più alle situazioni, a volte violente che non alle psicologie contorte dei personaggi riuscendo a mantenere il ritmo necessario come prodotto di azione e di avventura. (Segnalazioni Cinematografiche) La regia si dimostra attenta a scandire le azioni secondo il ritmo tipico dei film d'avventura. Il tutto è a discapito delle caratterizzazioni psicologiche dei personaggi. (Francesco Mininni, Magazine Italiano tv) E' un film affascinante e fuori tempo di Walter Hill, una specie di "non western" con fili e microfoni a vista, nelle inquadrature (ogni tanto) un film d'azione dal ritmo sonnolento, una storia intelligente e ben costruita. (Laura e Morando Morandini, Telesette)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy