RESURRECTION

USA - 1999
RESURRECTION
A Chicago viene commesso un atroce omicidio: un uomo, Belcour, giace in un lago di sangue con un braccio amputato alla spalla. L'assassino ha scritto col sangue su uno specchio: "Lui tornerà...". L'agente John Prudhomme, con il collega ispettore Hollinsworth, comincia ad indagare. Alla prima vittima, sul cui corpo sono stati incisi numeri romani, ne seguono ben presto altre. Nell'orto botanico, dove John si era recato per seguire una pista, viene trovato un cadavere in decomposizione: il braccio sinistro della persona è stato amputato e anche qui sul corpo sono incisi numeri romani. In un appartamento si scopre il terzo omicidio. Qui c'è il cadavere di un uomo senza testa. Proudhomme comincia a mettere insieme le tessere del puzzle e formula un teoria sulle motivazioni: i numeri romani si riferiscono ai passaggi della Bibbia e il killer sta cercando di ricostruire pezzo per pezzo il corpo di Cristo in tempo per la Pasqua, festa della Resurrezione, cui mancano tre settimane. In un altro agguato, l'ispettore Hollinsworth rimane gravemente ferito. Ma Prudhomme ormai è sulla pista giusta. L'agente FBI che gli si era affiancato è falso. Prudhomme lo mette alle strette. In un ospedale, a mezzanotte del sabato, il killer vuole strappare il cuore ad un neonato da una mamma di nome Maria. L'agente arriva in tempo, salva il bambino, affronta l'omicida, lo elimina dopo molta tensione e paura.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: HOWARD BALDWIN, CHRISTOPHER LAMBERT
  • Distribuzione: CDI - BUENA VISTA INTERNATIONAL ITALIA (1999) - MEDUSA VIDEO

CRITICA

"Mulcahy sfoggia riprese velocizzate e manipolate di ogni genere per non far vedere che è lesso anche lui. Ma non basta. Effetti speciali davvero cruenti, con messe in scena macabre ispirate esplicitamente alle foto di Joel-Peter Witkin: è evidente che la commissione di censura una roba così non l'ha vista neanche. Cronenberg appare nella parte insulsa d'un prete, che non è l'assassino. Chissà perché l'ha fatto". (Alberto Pezzotta, 'Segnocinema', settembre/ottobre 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy