Per una manciata di soldi

Pocket Money

USA - 1972
Per una manciata di soldi
Jim Kane, un ingenuo e squattrinato commerciante di bestiame, si impegna a procurare - dietro compenso - a un imbroglione, Bill Garrett, e al suo socio Stretch Russell, 200 vitelloni da rodeo. Si reca, perciò, in Messico, dove si fa aiutare dall'amico Leonard, un maturo mediatore e sognatore come lui. Spendendo del loro e pagandoli più del giusto, Jim e Leonard mettono insieme i 200 vitelloni ma scoprono che l'assegno che gli ha dato Garrett è senza copertura. Scontento di un guardiano, Jim lo licenzia, ma l'uomo si vendica denunciandolo per inadempienza contrattuale. Incarcerato, con la prospettiva di dover restare in prigione chissà per quanto tempo, Kane viene rilasciato grazie a Leonard, che, per aiutarlo, è stato costretto a vendere la propria automobile. Finalmente, imbarcato il bestiame su un treno (rinviando, con un sotterfugio, il momento di pagare il trasporto), i due raggiungono Garrett, al quale consegnano il bestiame. Scoprono, allora, di essere stati imbrogliati, poiché l'uomo, che è un poveraccio come loro, né li rimborsa, né paga la provvigione promessa. Sfogatisi contro di lui un po' verbalmente, un po' con qualche pugno, Jim e Kane riconoscono di essere stati beffati, ma non per questo perdono il loro ottimismo, né la voglia di ricominciare.
  • Altri titoli:
    Pocket Money, per una manciata di soldi
    Jim Kane
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: WESTERN
  • Specifiche tecniche: TECHNICOLOR
  • Tratto da: romanzo "Jim Kane" di J.P.S. Brown
  • Produzione: COLEYTOWN, FIRST ARTISTS, NATIONAL GENERAL PICTURES
  • Distribuzione: MEDUSA

CRITICA

"Gustosa commedia in stile western, sia per l'ambientazione sia per il canovaccio, diretta con brio dal poliedrico Stuart Rosenberg. I simpatici, stralunati protagonisti non battono ciglio di fronte ai soprusi cui li sottopone la sceneggiatura ultrabuonista. Che onta per il ruvido Lee Marvin, dopo un'intera carriera spesa a fingersi il principe dei ladri". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 25 gennaio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy