PENNE NERE

ITALIA - 1952
Nel borgo alpestre di Stella, a ridosso di una grande diga, sul confine carnico, fiorisce, alternando tenerezze e contrasti, l'idillio di Pieri e della giovanissima Gemma. La seconda guerra mondiale priva il paese degli uomini, che vengono richiamati alle armi: viene l'ora del richiamo anche per Pieri e per il di lui fratello Olinto, che deve lasciare la moglie e il figlioletto. Un bombardamento uccide il padre di Gemma: i genitori di Pieri accolgono nella loro casa la fanciulla, rimasta sola al mondo. Pieri ed Olinto sono sorpresi dall'armistizio in Albania: decisi a non arrendersi, a rientrare in Patria, intraprendono con un manipolo d'audaci una lunga marcia attraverso la Iugoslavia. Dopo molti stenti, il gruppo, assottigliato per la morte d'alcuni compagni, tra i quali Olinto, raggiunge infine l'agognata meta. Abbracciati i genitori e Gemma, Pieri si rifugia con i superstiti d'Albania e con nuovi compagni, sul Guia, dove attendono l'ora della riscossa e della liberazione. Quando i tedeschi in fuga decidono di far saltare la diga, che sovrasta il paese, Pieri e i suoi, con un audacissimo attacco, riescono ad impedirlo. Gemma è ferita gravemente da un cosacco: un matrimonio in extremis verrà a suggellare l'amore, che la unisce a Pieri. Contro ogni previsione, Gemma sopravvive miracolosamente: un lieto e pacifico avvenire sorride ormai agli sposi.

CAST

CRITICA

"(...) diretto con commosso slancio da Oreste Biancoli (...) riposa su motivi paesani e su capitoli patriottici, non trascurando dall'altra parte il settore sentimentale (...)". (Vice, "Il Lavoro Nuovo", del 8/5/1953).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy