Occhi blu

ITALIA, FRANCIA - 2020
3,5/5
Occhi blu
Una misteriosa donna scivola tra le pieghe di una Roma metropolitana, nervosa e violenta.
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, THRILLER
  • Produzione: TEMPESTA E PALOMAR CON RAI CINEMA IN COPRODUZIONE CON TU VAS VOIR
  • Data uscita 8 Luglio 2021

TRAILER

RECENSIONE

di Giulia Lucchini

E’ un tributo al genere polar francese l’opera prima di Michela Cescon. Protagonisti di questo film sono due grandi Occhi blu (questo il titolo). E gli occhi sono quelli di un’intensa Valeria Golino.

Presentato al Taormina Film Festival il film è totalmente d’atmosfera. Dialoghi ridotti all’osso, una moto che sfreccia tra le strade di Roma, e pochi personaggi. A parte la già citata Golino, qui nei panni di una misteriosa motociclista-rapinatrice, vi sono un uomo francese (Jean-Hugues Anglade), un commissario (Ivano De Matteo) e un giovane meccanico (Matteo Olivetti).

La storia è solo accennata. Molto è lasciato all’immaginazione dello spettatore in questo film fatto di spazi e di visioni. E sono proprio gli spazi di una Roma inedita quelli che colpiscono di più. Grazie anche al Cinemascope, un formato largo, tipico del genere, che dona profondità all’immagine e obbliga lo spettatore alla scelta dei punti di vista, ammiriamo il Colosseo, Piramide, Testaccio e i muraglioni del Tevere, ma anche tanti luoghi poco conosciuti (come il Mandrione) e più moderni della città: ponti, strade, binari, tangenziali. Discostandosi dalla solita immagine patinata e da cartolina della città eterna la Cescon ce ne restituisce un’altra fatta di suggestioni, più metropolitana e più fumosa, per certi versi più meneghina o anche parigina. D’altronde come dice uno dei personaggi: “Le grandi città sono tutte uguali”.

Seguendo gli sguardi e ascoltando i silenzi veniamo piano piano avvolti nel mondo evocato da questi Occhi blu. Un mondo che è anche in qualche modo un omaggio alla città di Roma (nel film la strofa di una canzone: “Se non conosci Roma non puoi capì che Roma è una magia”). Un gran bell’esordio per un’attrice come Michela Cescon che ha già lasciato il segno grazie alle sue interpretazioni nel cinema e nel teatro.

NOTE

- IN FASE DI LAVORAZIONE
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy