Nauta

ITALIA - 2011
3/5
Nauta
La spedizione guidata dall'antropologo Bruno parte a bordo dell'antico yacht "Mariella" per andare a studiare uno straordinario e misterioso fenomeno naturale sull'isola di La Galite. Della spedizione fanno parte anche il burbero capitano Davide, vecchio amico di Bruno, il marinaio Max, la biologa Laura e l'esperto di sport estremi Lorenzo, che è anche provetto sommozzatore. Durante la traversata, l'equipaggio vivrà inizialmente una fase di reciproca diffidenza ma poi - complici anche il mare, i paesaggi e un legame strettissimo con la natura - stringerà rapporti sempre più stretti fatti di semplicità e completa apertura che cambieranno le loro vite per sempre.
  • Durata: 67'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM
  • Produzione: CARLO FALCONE, SILVANA LEONARDI E VINCENZO DI MARINO PER ARTIMAGICHE IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA, SOUTWEST TRADING COMPANY
  • Distribuzione: IRIS FILM
  • Data uscita 3 Giugno 2011

TRAILER

RECENSIONE

di Francesca Baldini
Bruno (David Coco), antropologo e professore universitario, riceve una telefonata dal vecchio amico Paolo (Giovanni Esposito) che gli rivela di aver assistito sull'Isola di La Galite ad un fenomeno naturale misterioso e straordinario. Spinto dalla curiosità di trovare la ricetta della perfetta armonia tra Uomo e Natura e desideroso di superare un momento di crisi con la moglie Sara (Monica Ward), parte alla volta della fatidica isola su uno splendido yacht con un equipaggio composto dal burbero capitano Davide (Luca Ward), il suo marinaio Max (Massimo Andrei), la giovane biologa Laura (Elena Di Cioccio), e l'aitante Lorenzo (Paolo Mazzarelli), sommozzatore ed esperto di sport estremi.
La pellicola interamente ambientata su una barca a vela, spicca nel panorama del cinema indipendente italiano ed e' l'opera prima del regista napoletano Guido Pappada". Un racconto che attinge dal libro bestseller degli anni '90 di James Redfield La profezia di Celestino e vuole raccontare con toni onirici e un retrogusto New Age la continua ricerca dell'uomo moderno ad una identità che ne giustifichi l'esistenza. Vera protagonista di questo film è la natura, ma soprattutto il mare, ritratti con toni caldi e leggeri utilizzando una fotografia discreta, rinforzata dagli effetti di computer grafica. Inoltre il film, oltre a trattare temi come l'inquinamento, indirettamente tocca anche aspetti più universali come i rapporti umani e l'amore. Tematiche che emergono dalla storia costruita attorno ai cinque personaggi, che rappresentano uno spaccato della società contemporanea e che grazie a questo viaggio, vivranno una vera e propria catarsi. Perfetta l'interpretazione di David Coco, che si cala nei panni dello studioso spinto dalle proprie aspirazioni, metafora dell'uomo moderno in perenne ricerca di risposte e del senso della vita. Insomma una commedia “on the sea” dal sapore fiabesco che trasmette un messaggio ecologista e pone l'accento sulla riflessione di come l'uomo di oggi deve tornare in armonia con la natura al fine di ritrovare se stesso.

CRITICA

"A leggere la sua scheda, l'esordiente napoletano Guido Pappadà (classe 1964) vanta un lungo tirocinio sul campo come supervisore alla post-produzione digitale e agli affetti visivi. Un'esperienza importante, tuttavia il lavoro di sceneggiatore e regista è altra cosa, richiede una diversa maturazione. (...) Si capisce che il progetto, appellandosi a riflessioni sul rapporto uomo-universo e illuminazioni spirituali, è parecchio ambizioso; e però tutto naviga in calma piatta." (Alesandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 3 giugno 2011)

"S'imbarca sullo yacht del ruvido capitano Davide (Luca Ward) il depresso antropologo Bruno (David Coco). Oltre al marinaio Max e al sommozzatore Lorenzo, c'è la poco attraente biologa Laura (Elena Di Cioccio), raccomandata dall'amante sottosegretario (!). (...) Per il resto succede poco, tranne un doppio flirt della disinvolta ragazzona. Chi gliel'ha fatto fare questo viaggio? E soprattutto questo film?" (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 3 giugno 2011)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy