Mary Poppins

USA - 1964
Mary Poppins
In casa Banks regna grande confusione perchè la governante dei due piuttosto vivaci fratellini si è licenziata. Il padre, non molto ottimista sulle possibilità di successo dei tentativi della sua ingenua moglie, si assume il peso di trovare una soluzione al problema e fa pubblicare un annuncio sul "Times". Mentre una lunga fila di aspiranti attende di venir esaminata dal signor Banks, richiamata da una bizzarra petizione dei due piccoli scende dal cielo una ragazza che si presenta al capo di casa e, dopo averlo sottoposto a delle domande, senz'attendere di essere a sua volta interrogata, gli comunica che metterà alla prova tutta la famiglia per una settimana, dopo di che deciderà se accettare o no il posto. Durante il periodo di prova, con grande gioia dei due bambini, ai Banks capita ogni sorta di disavventura: il signor Banks viene persino licenziato. E ben presto la famiglia impara quale sia il giusto tono della quiete e della serenità: tutto si sistemerà nel migliore dei modi e Mary Poppins tornerà da dove è venuta.
  • Durata: 140'
  • Colore: C
  • Genere: FANTASY
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA TECHNICOLOR
  • Tratto da: omonima serie di libri di Pamela Lyndon Travers
  • Produzione: WALT DISNEY, BILL WALSH
  • Distribuzione: BUENA VISTA INTERNATIONAL ITALIA - WALT DISNEY HOME VIDEO
  • Riedizione 1995

NOTE

- CO-PRODUTTORE: BILL WALSH.

- OSCAR 1964 PER: MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA (JULIE ANDREWS), COLONNA SONORA, MONTAGGIO, CANZONE ("CAM-CAMINÍ"), MIGLIORI EFFETTI SPECIALI VISIVI. ERA CANDIDATO ANCHE PER: MIGLIOR FILM, REGIA, SCENEGGIATURA NON ORIGINALE, FOTOGRAFIA (A COLORI), SCENOGRAFIA (A COLORI), COSTUMI (A COLORI), SUONO E COLONNA SONORA.

- IL FILM E' STATO CAMPIONE D'INCASSI NEGLI STATI UNITI NEL 1965.

CRITICA

"Cinque Oscar, diciassette minuti di attori più disegni animati, trent'anni trascorsi dall'uscita del film Disney dedicato alla costante e magica governante Mary Poppins: il film conserva tutta la sua melensaggine, ma la storia rimane tanto più irresistibile quanto più le governanti provvide diventano figure arcaico-esotiche". (Lietta Tornabuoni, La Stampa 02/06/1995).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy