Little Glory

BELGIO - 2011
3/5
Little Glory
Il giovane Shawn si trova a 19 anni in una terribile situazione familiare. Lui e la sorellina Julie, di soli 9 anni, rimangono soli dopo la tragica scomparsa dei loro genitori. Per Shawn inizia una nuova vita: non ha più figure di riferimento, non ha tempo neanche per le lacrime e la terribile crisi economica incombe minacciosa sulla sua testa. Shawn diventa adulto all'improvviso e da subito si pone un unico grande obiettivo, per cui lotterà tenacemente contro tutto e tutti: riuscire a crescere da solo la sorellina Julie.
  • Durata: 109'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:2.35), DCP
  • Produzione: LEFT FIELD VENTURES, UFILM, BELGACOM, RTBF

RECENSIONE

di Luca Pellegrini

Si brucia, forse, nei suoi giorni da vagabondo il diciannovenne Shawn, anima persa nella profonda provincia americana in crisi e che non aiuta certo a ritrovarsi. I modi da bullo e il fascino dell’adolescente di Cameron Bright (Alec della saga di Twilight) si addicono perfettamente a questo personaggio, e capita anche che il giovane attore canadese nel film del belga Vincent Lannoo Little Glory, tentato dal peccato e faticosamente risalito lungo la china dell’esistenza, sia anche davvero bravo e del tutto credibile. Schema familiare e sociale consueto: lui e la sorellina Julie di nove anni rimangono orfani, lui non è in grado di prendersi cura di lei, ma le vuole bene e tra alti e bassi, abbandoni e ricerche, in fondo la protegge sempre. Non ha coscienza ancora di cosa significhi accudire una bambina in crescita, tra loro si frappone anche violentemente il mondo di lui (cattive compagne, noia esponenziale, ribellione ai codici e costante mancanza di denaro) e il mondo di lei (assenza della figura materna, paure dell’inconscio, violenze subite, necessità di attenzione). Ma in entrambi il desiderio di vivere e di comunicare e di appoggiarsi l’uno all’altra per riposare, tirare un respiro e fronteggiare le difficoltà, sono davvero insopprimibili. I loro dialoghi, i loro litigi, i loro abbandoni e silenzi porteranno a una presa di coscienza che l’amore vero crea sempre legami inseparabili, che nemmeno un tribunale e l’algida legge può spezzare. E superano anche quelli di una vita più sicura e agiata, lei in affidamento alla zia, che promette si un pasto caldo decente al posto dell’immancabile pollo fritto, ma non la totale limpidezza dell’amore. Così gli adulti diventano l’anello debole della catena, apatici e freddi, e il film ci insegna ad avere maggiore fiducia nel domani e nei giovani.

NOTE

- IN CONCORSO ALLA VI EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2011) NELLA SEZIONE 'ALICE NELLA CITTÀ'.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy