LASCIATECI IN PACE

ITALIA - 1953
Achille Buongiorno, commesso in una drogheria di paese, è bistrattato dalla moglie e dal cognato, ferventi missini; mentre la sua figliola è innamorata di un dottore, aderente ad un partito di sinistra. Un giorno Achille viene a Roma per ritirare i petardi per la festa del Santo. Mentre passa col pacco dei petardi davanti al Grand Hotel, nel momento, in cui ne esce un illustre personaggio americano, i petardi prendono fuoco. I giornali di sinistra e di destra s'impadroniscono dell'incidente, che viene interpretato come un gesto di ribellione all'imperialismo americano L'adesione di Achille è sollecitata da tutti i partiti: ogni partito vuol farne il proprio capolista nelle elezioni. Quando i comunisti promettono la costruzione di un acquedotto, Achille accetta la candidatura offertagli ed è eletto sindaco. Ma le promesse erano un espediente elettorale e le scoperte di un pseudo-rabdomante sono un trucco. Un giorno l'onesto Achille scopre una bomba ad orologeria, nascosta dai rossi presso gli scavi iniziati, col proposito d'attribuire l'attentato ai missini. Achille porta fuori dall'abitato la bomba, che scoppiando produce un avvallamento, dal quale sprizza un'abbondante vena d'acqua. La scoperta miracolosa consacra definitivamente la popolarità del buon sindaco.

CRITICA

"Un modesto film di satira politica, in cui si cerca di prendere in giro un pò tutti i partiti, la cui principale missione sembra essere quella di scocciare il prossimo. L'argomento (...) meritava maggiore arguzzia e più acuto spirito di osservazione". (U. Tani, "Intermezzo", n. 13 del 15/7/1954).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy