La canarina assassinata

ITALIA - 2008
La canarina assassinata
Un produttore senza scrupoli, un regista non più giovane e alcuni attori sono ospiti in una splendida villa del viterbese che dovrà essere la location del loro nuovo film. Ben presto, realtà e finzione cinematografica si confonderanno mentre la bella e sofisticata proprietaria della villa, aiutata dal suo enigmatico maggiordomo, cercherà di mettere in atto un suo piano di vendetta.
  • Durata: 94'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, NOIR
  • Produzione: FRANCESCO PAOLO MONTINI PER MOVIE FACTORY
  • Distribuzione: MOVIE FACTORY
  • Data uscita 26 Settembre 2008

CRITICA

"Da tutto il film spira una disillusione (i registi italiani hanno un paradiso di seconda classe, chiamato 'Nuovo Cinema Paradiso') che apparirebbe astiosa se non la temperasse una vena d'ironia. Malgrado ciò, l'impresa resta ben poco riuscita. Nessuno pretende un altro '8 e ½' felliniano, s'intende; però i caratteri sono appena abbozzati, la scrittura incerta e la polemica resta un petardo bagnato." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 26 settembre 2008)

"'La canarina assassinata' è il debutto dietro alla macchina da presa di Daniele Cascella, già aiuto di Scola e Tornatore che, da quarantenne, porta sullo schermo questo soggetto dello scomparso Alessandro Ninchi (nipote di Ave e Carlo) in cui si ironizza sul cinema italiano, popolato da produttori cialtroni, attori cani raccomandati, registi disposti ad ogni compromesso. Insomma, un circo in cui cerca di muoversi il protagonista (Ignazio Oliva), giovane autore di talento che si ritroverà su una sorta di set nel set: la bella villa di una bella signora (Caterina Vertova) dove, all'insaputa dell'intera troupe e del produttore, soprattutto, si compirà una macchinosa vendetta" (Gabriella Gallozzi, 'L'Unità', 26 settembre 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy