La bruttina stagionata

ITALIA - 1996
La bruttina stagionata
Marilina Labruna, quarantenne insoddisfatta, scrive tesi di laurea per conto terzi, perennemente ossessionata dalla madre Ersilia (una donna intenta a conservare quel che rimane della propria avvenenza per potere così correre sempre nuove avventure) e dall'amica d'infanzia, Olimpia, che non smette di circuirla con i suoi consigli, e inviti altrettanto ossessivi, a sottoporsi a cure fisiche e a complesse cosmesi (per ringiovanire e sedurre qualche malcapitato) presso il megacentro estetico dell'amica Pucci. Apparentemente riluttante, in realtà Marilina è avida di sesso, fino a diventare amica di Jan, gestore di un porno-shop terapeutico, e si rivela più incline a frequentare quel locale equivoco che il centro estetico di Pucci. I suoi progressi sono vertiginosi: prima Berto, un ragazzotto svitato che si fa pagare caramente le proprie prestazioni sessuali, poi il giovane e ricco Nicky. Ora, cosciente del proprio fascino, vuol vivere in piena e sfrenata libertà, pronta ad affrontare il mondo con spavalderia e malizia.
  • Altri titoli:
    No Spring Chicken
  • Durata: 91'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Tratto da: liberamente tratto dall'omonimo romanzo di Carmen Covito (Bompiani)
  • Produzione: GABRIELLA BUONTEMPO PER GOODTIME ENTERPRISE
  • Distribuzione: ITALIAN INTERNATIONAL FILM - RCS FILMS & TV

NOTE

- REVISIONE MINISTERO LUGLIO 1996

CRITICA

"Di fronte al film 'La bruttina stagionata' ho provato la stessa sgradevole sorpresa di quella volta che avendo preso a Roma il vagone letto per Milano mi ritrovai la mattina dopo alla stazione di Fano. Anche stavolta mi credevo diretto verso la Madunina, che si staglia irrinunciabile dietro la protagonista del romanzo di Carmen Covito (Edizioni Bompiani), e l'esordiente regista Anna Di Francisca mi fa scendere a Verona. Ai tempi del mio viaggio, me lo spiegò il conduttore, c'era stata una frana sulla linea e la conseguente deviazione. Ma quale tipo di frana mentale può aver fatto dirottare Marilina dal Gratosoglio alle rive dell'Adige? E come si può pensare che trasferire da una grigia metropoli a una stupenda città d'arte la vicenda di una donna tutta sola, che campa stentatamente scrivendo tesi di laurea per studenti somari, non cambi niente? Oltrettutto la spettacolarizzazione del fortunato 'best seller di qualità' (come è stato definito il libro al tempo del Premio Bancarella nel '93) poteva giovarsi di un intonato precedente il monologo teatrale ricavato nello scorso anno dall'autrice stessa e affidato alla gustosa milanesità di Gabriella Franchini". (Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera', 27 agosto 1996)

"E' la solita storia: anche al cinema il fine non giustifica i mezzi. Si mette alla berlina un mondo e un ambiente con i suoi stessi strumenti. C'è, per esempio, un modo (uno sguardo) di rappresentare i vecchi, i malati, i deformi che non lascia dubbi: nasce dal dileggio. Anche 'La bruttina stagionata' film ha tutti i numeri per avere successo. Anna Di Francisca può stare tranquilla: farà carriera". (Morando Morandini, 'Il Giorno', 25 agosto 1996)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy