Kishibe no tabi

GIAPPONE - 2015
4/5
Kishibe no tabi
Yusuke è dato per disperso, annegato in mare ormai da tre anni. Tutti lo credono morto, quando fa improvvisamente ritorno a casa. La moglie Mizuki non è affatto sorpresa, ma si domanda cosa lo abbia trattenuto così a lungo lontano dalla propria famiglia. Per questo, la donna accetta di partire per un viaggio con suo marito...
  • Altri titoli:
    Journey to the Shore
    Vers l'autre rive
  • Durata: 128'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: HD (1:2.35)
  • Tratto da: romanzo "Kishibe no Tabi" di Kazumi Yumoto
  • Produzione: AMUSE, WOWOW, SHOWGATE, PONY CANYON, HAKUHODO, OFFICE SHIROUS, COMME DES CINÉMAS

RECENSIONE

di Gianluca Arnone

Tornano i fantasmi, tornano da un’aldilà simile all’aldiqua, tornano perché si sentono – ci sentiamo – soli. Torna Kiyoshi Kurosawa, torna ai suoi temi d’elezione, porta una buona novella.

I fantasmi di Kishibe no tabi (titolo internazionale Journey to the Shore, tratto dal manga di Kazumi Yumoto) non fanno paura. Sono i nostri cari tornati per un saluto, un chiarimento non dato, il tempo di una scusa. Come Yusuke (Tadanobu Asano), il marito di Muzuki (Eri Fukatsu), rientrato a casa dopo un’assenza lunga tre anni. Già morto, ma pronto a un ultimo viaggio insieme a una moglie incredula, ma non troppo. Non c’è da stupirsi del resto, le interferenze tra regno dei vivi e dei morti sono continue, talvolta inavvertite.

Ma devono essere sanate. L’ultimo Kurosawa si apre uno spiraglio chiudendo un portone, quello che separa i due mondi. E’ un invito a liberarsi delle proprie pulsioni nichilistiche, a salutare, dire addio, seppellire i propri morti, ricominciare. Vivere!, come nel film dell’altro Kurosawa…

Dopo Fukushima si può? No, si deve. Kurosawa invita il Giappone a guardare avanti, dall’alto di uno stile mai così controllato, di un sentire sempre vigile ma più quieto, di uno sguardo non a-patico e nemmeno ancora sereno. Il mondo di Kishibe no tabi è solo a tratti grigio, opaco: possibile ora è il colore, la condivisione, un sorriso.

Siamo solo all’inizio. Ma c’è una strada antica e nuova. Un autore ritrovato. E un’altra sorpresa ancora. La prossima, magari, in concorso.

NOTE

- PREMIO PER LA MIGLIOR REGIA AL 68. FESTIVAL DI CANNES (2015) NELLA SEZIONE 'UN CERTAIN REGARD'.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy