IO E DIO

ITALIA - 1970
Parroco di un misero villaggio di montagna, Don Paolo cerca di educare i suoi fedeli ad essere autenticamente cristiani, a non confondere la religiosità con le pratiche superstiziose. Costretto da un'improvvisa malattia a restare in casa di un pastore, Giacomo, da cui s'era recato in visita, scopre che la figlia di questi, Anna, si è innamorata di lui. Sentendo di ricambiare i suoi sentimenti, ma obbligato, al tempo stesso, dal voto di castità, si reca, per essere illuminato, dal Vescovo, ma fugge sentendolo estraneo e inaccessibile, prima ancora di avergli parlato. Tornato al villaggio e accusato da Giacomo di avergli sedotta la figlia, Don Paolo sottrae la ragazza ad una strega, alla quale era stata affidata per esorcismi, e fugge con lei sulla montagna, inseguito dai paesani inferociti. Contemporaneamente si trovano sul posto i poliziotti, alla ricerca di un mezzadro, Giuseppe, che si è vendicato, uccidendo il proprietario del suo fondo, di un'ingiustizia subita. Trovatosi a fianco di Giuseppe Don Paolo - dopo aver visto Anna, ferita durante la colluttazione con la strega, morire tra le sue braccia e il mezzadro cadere sotto i colpi sparati dagli agenti - folle di paura, di fronte alla sempre più vicina minaccia di Giacomo e degli altri, imbraccia il fucile di Giuseppe e comincia a sparare all'impazzata.
  • Durata: 81'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA
  • Produzione: PRODUZIONI ATLAS CINEMATOGRAFICA, VULGO CINEMATOGRAFICA
  • Distribuzione: PAC
  • Vietato 14

NOTE

PRODUZIONE (NON ACCREDITATA) VITTORIO DE SICA.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy