Intolerance

USA - 1916
Intolerance
L'intolleranza e i suoi terribili effetti vengono esaminati in quattro ere diverse. Nell'antica Babilonia, una ragazza viene coinvolta in una lotta religiosa che porta alla caduta della città. In Giudea i Farisei condannano Gesù Cristo. Parigi, 1572: mentre sta per compiersi il giorno del massacro di San Bartolomeo, due giovani ugonotti decidono di sposarsi. Infine, nell'America moderna, dei riformatori moralisti distruggono la vita di una donna e del suo amante.
  • Altri titoli:
    Intolerance: Love's Struggle Throughout the Ages
    Intolerance: A Sun-Play of the Ages
    The Mother and the Law
  • Durata: 180'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, RELIGIOSO, STORICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM - MUTO
  • Tratto da: basato sul testo di anonimi ebraico-cristiani ("La Bibbia") e ispirato al poema "Out of the Cradle Endlessly Rocking" di Walt Whitman
  • Produzione: D.W. GRIFFITH PER WARK PRODUCING CORPORATION, TRIANGLE FILM CORPORATION
  • Distribuzione: MONDADORI VIDEO, SAN PAOLO AUDIOVISIVI

NOTE

- CARTELLI: D.W. GRIFFITH, ANITA LOOS E FRANK E. WOODS (NON ACCREDITATO).

- FILM COMPOSTO DI QUATTRO EPISODI: "LA CADUTA DI BABILONIA", "LA PASSIONE DI CRISTO", "LA NOTTE DI SAN BARTOLOMEO", "LA MADRE E LA LEGGE", CHE SI INTERSECANO TRA LORO ATTRAVERSO UN MONTAGGIO PARALLELO, COLLEGATI DALL'IMMAGINE DI UNA GIOVANE DONNA CHE DONDOLA UNA CULLA. PER OGNI EPISODIO IL REGISTA HA UTILIZZATO UN TONO DI COLORE DIVERSO: GRIGIO/VERDE PER L'EPISODIO BABILONESE, BLU PER L'EPISODIO EBRAICO, SEPPIA PER L'EPISODIO RINASCIMENTALE E AMBRA PER L'EPISODIO MODERNO.

- NEL 1919, NEL TENTATIVO DI RECUPERARE ALMENO PARTE DEI SOLDI SPESI, D.W. GRIFFITH HA RIMONTATO IL FILM E HA FATTO USCIRE SEPARATAMENTE NELLE SALE IL PRIMO E IL QUARTO EPISODIO, CHE AVEVANO UNA DURATA SUPERIORE RISPETTO AGLI ALTRI DUE. DA ALLORA NON E' PIU' STATO RINTRACCIATO IL NEGATIVO ANCHE SE ESISTONO DIVERSE COPIE DEL FILM (ALCUNE RIMANEGGIATE DALLO STESSO GRIFFITH), CHE HANNO UNA DURATA DIVERSA DA QUELLA DELL'ORIGINALE CHE ERA DI 208'.

- PRIMA PROIEZIONE: 5 SETTEMBRE 1916.

CRITICA

Dalle note di regia: "Qualsiasi vero artista del cinema dovrebbe, in qualche momento della propria vita, cercare di realizzare almeno un film per la posterità, per la verità, per la bellezza, pure sapendo perfettamente che tale film non avrà successo. Così, 'Intolerance', il solo grande film per il quale forse persi di vista l'aspetto finanziario, non mi portò nemmeno un soldo. Anzi mi costò molto, ma mi è valso l'amicizia di alcune persone di valore del nostro tempo. Dieci anni dopo che era stato realizzato, il film riscosse un grande successo al Film Arts Guild dove la prima volta aveva incontrato solo indifferenza o incomprensione."
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy