In the Box

ITALIA - 2014
2,5/5
In the Box
Una giovane donna si risveglia dentro le quattro mura di un garage dove un'automobile esala anidride carbonica: un gas che sembra così innocuo, ma che all'interno di quel piccolo spazio è letale. A chiuderla nel box è stato uno sconosciuto che in realtà di lei sa ogni cosa e soprattutto sa che la piccola figlia della donna sta aspettando la mamma a casa. L'uomo non rivela alla prigioniera il motivo del suo gesto, ma solo il tempo che lei ha a disposizione per salvarsi la vita...
  • Durata: 81'
  • Colore: C
  • Genere: THRILLER
  • Specifiche tecniche: DCP
  • Produzione: MASSIMO SPANO PER MICHELANGELO FILM, IN COPRODUZIONE CON UNA VITA TRANQUILLA, PRODUZIONE STRAORDINARIA. IN ASSOCIAZIONE CON MIND & ART
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE-CINECITTÀ (2015)
  • Data uscita 23 Aprile 2015

TRAILER

RECENSIONE

di Michelangelo Iuliano

Il cinema di genere si alimenta di convenzioni narrative che a volte rasentano lo stereotipo. La cura dei dettagli e la capacità di racconto possono però trasformare un’idea trita e una storia banale in un prodotto quantomeno coinvolgente. Per arrivare a questo risultato non sono necessarie risorse importanti: basta un po’ di buona volontà.
Di certo In the box non difetta di buone intenzioni, se si pensa che il regista Giacomo Lesina, al suo esordio dietro la macchina da presa per un lungometraggio dopo tanti anni come aiuto regista (ha lavorato, tra gli altri, con Luigi Comencini, Paul Schrader, Francesca Archibugi e Neri Parenti), e l’attrice protagonista Antonia Liskova hanno lavorato senza compenso per questo film.
Il risultato è un thriller certamente non originale, con qualche lacuna e ingenuità nella sceneggiatura, diversi passaggi narrativi non risolti e alcuni dialoghi difficilmente digeribili, ma che riesce alla fine a coinvolgere lo spettatore nelle sfortunate sorti della protagonista.
Una giovane donna (Antonia Liskova) si risveglia dentro un garage dal quale è impossibile uscire. Il motore di un’auto è acceso e ha pochissimo tempo per riuscire a salvarsi dal soffocamento. L’unico strumento con il quale può comunicare con l’esterno è un telefono cellulare molto difficile da localizzare e con poca batteria. Ad averla chiusa lì dentro è un uomo misterioso che sembra conoscere tutto della sua vita, del suo torbido passato e soprattutto di ciò che ha di più caro al mondo: la piccola figlia Vanessa…
In the box ha il merito di tentare di realizzare in Italia un film di genere a basso costo e in lingua inglese: un lodevole proposito.

CRITICA

"Assurdo dramma claustrofobico, tinto di giallo, che poggia sul bel volto disperato di Antonia Liskova. (...) Se all'inizio la storia regge, all'aprirsi del portabagagli precipita nel delirio." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 23 aprile 2015)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy