IL SIGILLO ROSSO

ITALIA - 1950
Una vecchia signora, che ha perduto l'unico figlio, caduto in guerra, ha impiantato nella sua casa una pensione. La signora custodisce un documento importante, affidatole dal figlio con l'incarico di consegnarlo ad una persona, che nel ritirarlo osserverà certe determinate forme. Intorno al documento si scatena una lotta, determinata da interessi vari, ed anche tra gli ospiti della pensione, persone tutte stravaganti ed equivoche, vi sono di quelli, che vorrebbero impadronirsi del prezioso documento. V'è tra gli altri un medico, che pratica la suggestione ipnotica e lo spiritismo e si prende particolare cura della vecchia signora. Un giorno si presenta alla pensione un tale, d'aspetto piuttosto equivoco, che dice di chiamarsi Koster e d'esser la persona attesa, alla quale dev'essere consegnato il documento. Poiché la signora è ammalata, lo riceve il medico che lo ipnotizza e lo chiude nella propria stanza. Dopo una seduta spiritica, durante la quale la vecchia signora ha creduto di sentire la voce del figlio, il medico l'induce a consegnargli il documento. A questo punto interviene Koster, che s'impadronisce del documento, ma dopo una colluttazione, viene ucciso dal pseudo medico, che in realtà è un ispettore della polizia internazionale.
  • Genere: GIALLO
  • Produzione: FONTANA
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy