Il grande Joe

Mighty Joe Young

USA - 1998
Il grande Joe
In Africa la piccola Jill ha perso la madre, studiosa del comportamento animale, per mano dei bracconieri. Lo stesso è capitato a Joe, un piccolo di gorilla. Sono passati dodici anni, e Jill e Joe sono cresciuti insieme. Incaricato di compiere esplorazioni per salvare le specie in via d'estinzione, arriva nella zona lo zoologo Gregg, si imbatte in Joe, sviluppatosi oltre misura fino a diventare gigantesco, conosce anche Jill e le propone di portare Joe al sicuro in un rifugio in California. Jill accetta la nuova sistemazione di Joe, a patto di averne la responsabilità totale, ma sul posto c'è anche il bracconiere Strasser che mette gli occhi sul gorilla per rubarlo e venderlo a facoltosi clienti. Il direttore organizza una festa per raccogliere fondi, Joe vede Strasser, realizza che si tratta della persona che anni prima aveva ucciso sua madre, si infuria e provoca feriti e gravi danni. Di fronte a questo episodio, Jill si fa convincere da Strasser a riportare Joe in Africa. Quando ormai è stato caricato, Gregg intuisce l'inganno, rincorre il camion, avverte Jill. L'automezzo si ribalta, Joe esce e vaga per la città, seminando il panico. Al luna park, in una grande confusione, si accende un corto circuito e tutto va a fuoco. Joe elimina Strasser, poi individua un bambino rimasto sulla ruota, si arrampica per salvarlo, cade a terra. Sembra morto, ma dopo un po' riprende conoscenza. Jill dice che bisogna riportarlo in Africa, ma non ci sono i soldi necessari. Allora tutti i presenti fanno un'offerta, e qualche tempo dopo viene inaugurato in Africa il Joe Young Park. Jill ha mantenuto la promessa fatta alla madre.
  • Altri titoli:
    Mighty Joe
  • Durata: 114'
  • Colore: C
  • Genere: FANTASY
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA (1:1.85)
  • Produzione: WALT DISNEY PICTURES, RKO PICTURES
  • Distribuzione: BUENA VISTA INTENATIONAL

NOTE

- REMAKE DEL FILM "IL RE DELL'AFRICA" (1949) DIRETTO DA ERNEST B. SCHOEDSACK.
- NOMINATION AGLI OSCAR 1999 PER I MIGLIORI EFFETTI SPECIALI VISIVI.
- REVISIONE MINISTERO MARZO 1999.

CRITICA

"Ingenua commedia ecologica che mesce avventura e sentimento sulle tracce di un mastodontico pronipote di King Kong, molto più mite del rabbioso antenato. Anche se quando gli prendono i cinque minuti, come al luna park, diventa un ciclone. Charlize Theron merita di vincere il premio della bontà, specie quando è poco vestita". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 11 luglio 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy