Il filo nascosto

Phantom Thread

USA - 2017
4,5/5
Il filo nascosto
Ambientato nella fascinosa Londra del dopo guerra negli anni Cinquanta, il rinomato sarto Reynolds Woodcock e sua sorella Cyril sono al centro della moda britannica, realizzando i vestiti per la famiglia reale, star del cinema, ereditiere, debuttanti e dame sempre con lo stile distinto della casa di Woodcock. Le donne entrano ed escono nella vita di Woodcock, dando ispirazione e compagnia allo scapolo incallito, fino a quando non incontra una giovane e volitiva donna, Alma, che presto diventa parte della sua vita come musa ed amante. La sua vita attentamente "cucita su misura", una volta così ben controllata e pianificata, viene ora stravolta dall'amore.
  • Altri titoli:
    Phantom Thread
  • Durata: 130'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, 35 MM
  • Produzione: JOANNE SELLAR, PAUL THOMAS ANDERSON, MEGAN ELLISON, DANIEL LUPI PER ANNAPURNA PICTURES, FOCUS FEATURES, GHOULARDI FILM COMPANY
  • Distribuzione: UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY (2018)
  • Data uscita 22 Febbraio 2018

TRAILER

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
“Dentro l’imbottitura di un abito ci puoi nascondere qualsiasi cosa: segreti, monete, ricordi…”.

Paul Thomas Anderson si lascia alle spalle i neon lisergici della Los Angeles anni ‘70 di Vizio di forma e ritrova l’ago con cui tornare a imbastire le trame di un tessuto che, grazie ad un Filo nascosto, unisce Il petroliere e The Master a questa sua nuova opera.

Tornano in maniera preponderante, in questa Londra anni ’50 dove a muoversi è il rinomato stilista Reynolds Woodcock, i topoi più riconoscibili di PTA, su tutti la mania del controllo e l’assenza della figura materna. Due caratteristiche che muovevano il monumentale The Master e che, stavolta, segnano in maniera determinante l’esistenza del protagonista, interpretato da un Daniel Day-Lewis sontuoso, riemerso dai pozzi neri del Petroliere, ripulito e quasi “imbalsamato” in questa figura sempre alla ricerca della perfezione impossibile che, a quanto pare, segna anche il suo definitivo addio alle scene.


[caption id="attachment_112703" align="aligncenter" width="300"] Paul Thomas Anderson[/caption]

È al tempo stesso respingente e affabulatorio, Il filo nascosto, e – mai come in questa occasione – PTA guarda al cinema di Kubrick per risucchiarne tanto in termini di geometrie e atmosfere quanto in termini di ambiguità e sfumature.

Quasi interamente ambientato nella villa-atelier di Woodcock (personaggio vagamente ispirato al celebre couturier Charles James, egomaniaco risaputo), il film – che per la prima volta vede il regista californiano anche direttore della fotografia – è un’anomala love story incentrata sull’incontro del protagonista con la cameriera Alma (Vicky Krieps).

“Scapolo impenitente”, come si definisce da subito Woodcock, abituato ad una routine maniacale fatta di momenti – come la colazione – in cui ogni rumore fuori luogo potrebbe rovinargli il resto della giornata, figura centrale della moda britannica e abituato a “vestire” famiglie reali, star del cinema, ereditiere e debuttanti, condivide le giornate (e il lavoro) con sua sorella Cyril (l’austera, meravigliosa Lesley Manville), che gestisce il marchio di famiglia.


[caption id="attachment_112705" align="aligncenter" width="300"] Lesley Manville[/caption]

L’arrivo di questa nuova donna – musa e amante – vorrebbe/dovrebbe essere gestito come in tutte le altre, precedenti situazioni. Ma ben presto, la vita di Woodcock fino a quel momento “cucita su misura”, controllata e pianificata, sarà stravolta.

Ed è qui che entra in gioco l’aspetto più intrigante e ambiguo del film: sì, perché ad Anderson interessa esplorare non tanto la trasformazione conseguente quel rapporto, ma piuttosto la determinazione della figura femminile nel non desistere mai, neanche di fronte alla più ovvia evidenza, nei confronti dell’oggetto del suo amore. Che riesce a fare completamente suo solamente in quei rari momenti in cui Reynolds perde il controllo di se stesso, quasi regredendo, per ritrovarsi inerme e indifeso.

Qual è l’ingrediente segreto capace di tenere insieme due persone? Quale quel filo nascosto capace di legare in modo così imprevedibile ciò che invece sembra destinato a non durare per sempre?


[caption id="attachment_112704" align="aligncenter" width="300"] Vicky Krieps e Daniel Day-Lewis[/caption]

Il film di Paul Thomas Anderson rimane sospeso, sempre in bilico su questo crinale dove ci sembra di osservare i due personaggi principali in costante duello, e costruisce – anche grazie al meraviglioso lavoro di Jonny Greenwood (alla quinta colonna sonora per il regista), che si mescola e si sovrappone ai vari Fauré, Debussy, Brahms, Berlioz, oltre al Piano Trio No. 2 di Schubert (il primo movimento, quello che anticipa il ben più celebre “Andante con moto” di Barry Lyndon) – un altro indimenticabile film-modello.

Dove la creazione, la confezione, l’eleganza e il controllo si amalgamano con il retrogusto velenoso di un amore che, per alimentarsi e vivere, deve necessariamente scendere a patti con l’aberrazione e il dolore più profondi. Anche a costo della vita.

Candidato a 6 premi Oscar: miglior film, regia, attore protagonista (Day-Lewis), attrice non protagonista (Lesley Manville), colonna sonora e costumi.

NOTE

- CANDIDATO AI GOLDEN GLOBES 2018 PER: MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA (DANIEL DAY LEWIS) E COLONNA SONORA.

- OSCAR 2018 PER I COSTUMI. ERA CONDIDATO ANCHE PER: MIGLIOR FILM, REGIA, ATTORE PROTAGONISTA (DANIEL DAY-LEWIS), ATTRICE NON PROTAGONISTA (LESLEY MANVILLE), COLONNA SONORA.

- CANDIDATO AL DAVID DONATELLO 2019 PER: MIGLIOR FILM STRANIERO.

CRITICA

"Se Day-Lewis giganteggia - ancorché non gli giovi l'eccessiva affettazione del doppiaggio italiano - nel ruolo inventato a partire da figure storiche del cinico e anaffettivo protagonista di «Il filo nasco sto» è perché P. T. Anderson gli costruisce attorno, appunto, come con l'ago, il filo e il centimetro, una tela di comportamenti, gerarchie, nevrosi e rituali su cui la cinepresa indaga cercando discioglierne l'intrinseco rebus. Quasi sempre serrato nelle stanze del lussuoso edificio che riunisce abitazione e atelier del sarto più venerato della Londra anni 50, il film (...) già iscritto al novero dei cult-movie, utilizza il tema della moda come un mezzo anziché un fine, riuscendo ad avvicinare con una rigorosa strategia narrativa (sino a correre il rischio di estenuare gli spettatori) i misteri della creazione artigianale/artistica a quelli dei rapporti amorosi/morbosi di coppia. Il fatto che il film pretenda e meriti un attenzione spasmodica è certificato dal titolo originale «Phantom Thread», il filo fantasma, perché la struttura registica opera come un campo magnetico dell'impenetrabile, il non detto o mostrato (come il sesso sempre relegato dietro porte chiuse) proprio come Reynolds cuce negli orli o le fodere degli abiti i suoi messaggi segreti. Quando nel cerchio magico della maison viene ammessa Alma (Krieps), una timida camerierina più vicina ai ritratti di Vermeer che ai cliché della femme fatale, s'avverte dapprima solo una scossa (...). Diventata prima musa e modella e poi moglie, però, Alma diventerà una «donna che visse due volte» in grado di trasferire tonalità fotografiche, suoni, musica, ritmi di ciascuna sequenza, se non inquadratura del film dalla commedia romantica al noir sadomaso. La genialità di Anderson sta nell'abolire le facili chiavi dello psicologismo per lasciare campo libero all'ovattata violenza dei giochi perversi che nei protagonisti fungono da contrappunto alle rispettive strategie di potere." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 1 marzo 2018)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy