Il Dr. Jekyll e Miss Hyde

Dr. Jekyll and Ms. Hyde

USA - 1996
Il Dr. Jekyll e Miss Hyde
Il dottor Richard Jacks, un geniale creatore di profumi per la "Omage Perfume Company", non ha affatto fortuna perché circondato da colleghi incapaci che non gli consentono di ottenere riconoscimenti e gratificazioni. Il suo rapporto con la fidanzata Sarah Carver è in crisi, perché il suo accanito e insonne applicarsi a formule sempre più complesse di nuovi profumi non gli consente di riservarle tempi e attenzioni sufficienti e soddisfacenti. Nel dedicarsi alla ricerca di formule chimiche sempre più difficili e complicate, Richard finisce prigioniero delle sue stesse scoperte: nello sperimentare l'ultimo ritrovato, infatti, assiste, trasecolato, alla propria trasformazione in donna. Non potendo ritornare all' "Omage Perfume Company" sotto tali sembianze per proseguirvi le proprie sperimentazioni Richard escogita un singolare espediente: si presenta l'indomani come Helen Hyde, la "segretaria" mandata dal dottor Jacks per sostituirlo provvisoriamente, in diretto contatto quotidiano con lui. L'affascinante e dinamica Helen conquista immediatamente gli ottusi colleghi non solo con le formule prima rifiutate, ma anche con le sue spregiudicate ed esplicite provocazioni erotiche. Jacks ha il problema sia di non perdere Sarah, gelosa della misteriosa Helen, e di convincerla che la donna altri non è che il suo "alter ego", sia di liberarsi delle frequenti metamorfosi Richard-Helen. Utilizzando alcune vecchie carte polverose appartenute al nonno materno, il dottor Jekyll, con fitte annotazioni scientifiche e decifrando tali magiche annotazioni, Richard trova la formula per liberarsi del suo "doppio" e ritornare definitivamente se stesso.
  • Durata: 86'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Tratto da: romanzo "The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde" di Robert Louis Stevenson
  • Produzione: JEKYLL PROD.
  • Distribuzione: MEDUSA - MEDUSA VIDEO

NOTE

- REVISIONE MINISTERO LUGLIO 1996

CRITICA

"Originale pur se tutto sommato sciapa commedia, millesima trasposizione del romanzo di Stevenson, che rivolta come una frittata il classico scambio d'identità, ricavandone qualche (sguaiata) occasione di spasso in più. Il linguaggio da caserma non scalfisce la bellezza di Sean Young". (Massimo Bertarelli, 'Il giornale', 2 ottobre 2001).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy