Il conquistatore di Maracaibo

Los corsarios del Caribe

ITALIA, SPAGNA, GERMANIA OCCIDENTALE - 1960
Il conquistatore di Maracaibo
Alan Drake, capo di una nave pirata, per il tradimento di un compagno viene accusato del furto di un bottino. Drake fugge dall'isola di Tortuga dove, se rimanesse, verrebbe ucciso. Vuole recarsi in America: durante il viaggio incontra un galeone spagnolo attaccato dai pirati e lo salva. Si reca quindi, scortando il galeone, a Maracaibo, sperando di incontrare El Valiente, un misterioso capo pirata, e far valere le sue buone ragioni circa il famoso bottino. El Valiente, che quando non è in mare vive a Maracaibo, riesce ad ottenere le informazioni che servono per attaccare a colpo sicuro le navi spagnole. Drake, accolto con onore per aver salvato una nave spagnola, viene poi denunciato al Governatore da Brasseur, il pirata traditore che già una volta lo ha accusato di una colpa non commessa. Viene perciò arrestato e condannato a morte. Morirebbe se i pirati capeggiati da Brasseur non attaccassero Maracaibo. Drake, aiutato dai suoi amici, si affianca agli spagnoli nella difesa della città sconfiggendo i pirati. Si viene a scoprire che El Valiente, il pirata mascherato, altri non è che una donna cara al governatore della città, che però, per amore di Drake, ha deciso di cambiar vita. Quando Drake, per liberare Altagracia, una selvaggia creatura, insegue Brasseur, quest'ultimo, prima di essere ucciso da Drake, riesce a colpire El Valiente. Morta Moira, ovvero El Valiente, Drake, perdonato dalle autorità spagnole, si accorge che Altagracia lo ama e con lei riprende il mare non più per fare il pirata, ma per trovare la serenità.
  • Altri titoli:
    Conqueror of Maracaibo
    Unter der Flagge der Freibeuter
  • Durata: 92'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, DRAMMATICO, AVVENTURA
  • Specifiche tecniche: EASTMANCOLOR
  • Produzione: EPOCA FILMS S.A., PRODUZIONI ASSOCIATE (ROMA) PROCUSA (MADRID)
  • Distribuzione: FILMAR

CRITICA

"Avventure piratesche nel mar dei Caraibi, con governatori cattivi e pirati buoni, che hanno una giusta vendetta da compiere, e ci riescono". (Anonimo, "Nuovo Spettatore Cinematografico", 28/29, febb. 1962).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy