Hands of Stone

USA - 2016
Hands of Stone
La vita del pugile Roberto Duran - che ha debuttato professionalmente a soli 16 anni nel 1968 e si è ritirato nel 2002, all'età di 50 anni - passato alla storia per aver battuto nel giugno del 1980 il campione Sugar Ray Leonard e acquisito il titolo welter WBC, scioccando poi il mondo della boxe con il ritorno al suo angolo in occasione della rivincita, dicendo 'No mas'.
  • Durata: 116'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, DRAMMATICO, SPORTIVO
  • Specifiche tecniche: ARRI ALEXA
  • Produzione: CARLOS GARCIA DE PAREDES, CLAUDINE JAKUBOWICZ, JONATHAN JAKUBOWICZ, JAY WEISLEDER PER FUEGO FILMS, EPICENTRAL STUDIOS, LA PIEDRA FILMS, PANAMA CINEMA, LARGE SCREEN CINEMA PRODUCTIONS

NOTE

- PROIEZIONE SPECIALE AL 69. FESTIVAL DI CANNES (2016).

CRITICA

"Cinematograficamente parlando (...) è un onesto film sulla boxe, ma la psicologia di Roberto Duràn, il pugile dalle «mani di pietra», non va oltre al cliché del macho panamense che nel pugilato vuole riscattare la sudditanza politica del suo Paese (una colonia Usa) e di vincere l'amarezza per essere stato abbandonato dal padre, un americano, dopo aver messo incinta la madre. La ragione del film, naturalmente, è De Niro, sul set invecchiato più del dovuto, ma sobrio e senza sbavature nell'interpretare Ray Arcel (...)." (Stenio Solinas, 'Il Giornale', 18 maggio 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy