Go with Me

USA - 2015
2,5/5
Go with Me
Sullo sfondo dell'aspro scenario di una comunità situata ai margini di una foresta del Nord Ovest americano si svolge la storia di Lillian, una giovane donna tornata di recente nella sua città, che diventa il bersaglio delle persecuzioni di Blackway, un ex poliziotto divenuto un violento signore del crimine che agisce impunemente. Nonostante l'ostruzionismo degli abitanti della comunità di boscaioli e l'invito ad andarsene dello sceriffo, Lillian, con l'aiuto dei soli due uomini abbastanza coraggiosi da schierarsi con lei, decide di restare e opporsi allo stalker sociopatico.
  • Durata: 90'
  • Colore: C
  • Genere: THRILLER
  • Specifiche tecniche: DCP
  • Tratto da: libro omonimo di Castle Freeman Jr.
  • Produzione: RICK DUGDALE, ANTHONY HOPKINS, GREGORY JACOBS, ELLEN GOLDSMITH-VEIN, LINDSAY WILLIAMS PER ENDERBY ENTERTAINMENT, GOTHAM GROUP
  • Distribuzione: MICROCINEMA IN COLLABORAZIONE CON MINERVA PICTURES (2016)
  • Data uscita 13 Ottobre 2016

TRAILER

RECENSIONE

di Gian Luca Pisacane

Una volta Anthony Hopkins aveva gli occhi di ghiaccio, e lo chiamavano Hannibal Lecter. Adesso ha i capelli bianchi e spreca il suo talento dietro ad affascinati donzelle in pericolo. Ma il ruolo del cowboy moderno non gli si addice e la platea rimpiange il suo sguardo appuntito, pieno di quella glaciale ambiguità che lo ha consacrato. Hopkins indossa la maschera del giustiziere e il povero Ray Liotta può soltanto tremare.

Blackway (Liotta) è un ex poliziotto votato al malaffare. Un tempo era vice sceriffo, ma adesso riconosce solo l’autorità della violenza. Terrorizza i cittadini di una piccola comunità in mezzo alla foresta e anche le forze dell’ordine hanno paura di lui. Se lo cercate, alloggia in fondo alla superstrada, vicino a un motel, dove gestisce il suo traffico di droga e di esseri umani. Ma un giorno alza troppo il tiro. Molesta la ragazza sbagliata, aggredendola in un parcheggio, senza pensare alle conseguenze. Lei si rivolge a un taglialegna d’eccezione, un Anthony Hopkins molto arrabbiato, che ha di suo un vecchio conto da regolare.

Daniel Alfredson è il regista svedese che ha girato gli ultimi due capitoli della Trilogia Millenium. Erano film cupi, votati alla violenza e alla perversione, tratti dal successo letterario di Stieg Larsson. Poi ha conosciuto Anthony Hopkins e lo ha diretto ne Il caso Freddy Heineken, il famoso sequestro del magnate della birra ad Amsterdam. Il sodalizio tra i due ha funzionato, e il secondo film non ha tardato ad arrivare.

Go With Me è un western moderno dai toni dark. Sfrutta la nebbia e l’oscurità della foresta per riproporre atmosfere da thriller, ma stenta a convincere. Non sa se essere un semi –  horror di provincia o una sfida all’O.K. Corral. L’eroe di turno è il classico uomo senza paura, con un passato torbido da nascondere. Tiene un fucile nel capanno degli attrezzi e lo spaccia per una canna da pesca. Il buon Hopkins avrà anche una certa età, ma spara come un diavolo. E incarna il perfetto clichè del western anni Sessanta. Peccato che una volta i duelli si girassero su terreni sabbiosi, e dietro la macchina da presa, almeno per il cinema nostrano, ci fosse un certo Sergio Leone.

Il risultato qui è un film che non trova una propria identità. Si nasconde dietro un andamento classico e non si azzarda minimamente a stupire con qualche colpo di scena. Dopo dieci minuti il finale è già chiaro, e la storia si snoda prevedibile verso epilogo. Liotta cerca di rievocare i tempi di Quei bravi ragazzi, quando faceva davvero paura. Adesso non spaventa più, e i suoi sguardi inviperiti non impensieriscono neanche un bambino.

Go With Me è un film che non sa vivere i suoi anni. Ripropone generi passati e cerca scampo nella bravura delle sue star, che però non hanno voglia di brillare. Chi osa può strappare qualche applauso, ma per chi non si schiera, anche le porte dell’Inferno restano serrate.

NOTE

- FUORI CONCORSO ALLA 72. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2015).

CRITICA

"Le vie del western sono infinite, se contano le sfumature, poche se pensiamo ai fondamentali. Questa è un'avventura classica reinventata in atmosfera nordica (boschi, brume, segherie), tempo attuale (lerci pick-up invece dei cavalli), con perdenti capaci di riscatto (...). Lo schema è quello dei 'Magnifici 7'. Stonano i flashback esplicativi, ma contesto, passo del racconto e personaggi sono ok." (Silvio Danese, 'Nazione-Carlino-Giorno', 13 ottobre 2016)

"Solo un regista svedese come Alfredson (...) poteva dipingere degli Stati Uniti così barbarici e spietati. La giustizia o te la fai da solo (...) oppure muori. Il trio di vendicatori è il pezzo forte di un film cui è impossibile non volere bene: Hopkins è titanico anche quando non fa niente mentre Ludwig eccelle nell'amore impacciato per una Styles mai così selvatica." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 13 ottobre 2016)

"Piacerà a chi fin da poppante ha nel cuore il film di frontiera e va in brodo di giuggiole a ogni resurrezione. Qui è ben servito, anche se il grande Hopkins non riesce a non far rimpiangere John Wayne, e lo svedese Alfredson (...) non può avere il respiro di un Sam Peckinpah." (Giorgio Carbone, 'Libero', 13 ottobre 2016)

"Un thriller che, nelle intenzioni, viene servito come un moderno western. Peccato che tutto resti sulla carta tra mancanza di ritmo, personaggi poco approfonditi e una interprete, Julia Stiles, che sembra recitare con la maschera di cera." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 13 ottobre 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy