Genoveffa di Brabante

ITALIA, SPAGNA - 1964
Il conte Sigfrido, ferito gravemente da un gruppo di banditi, viene portato al castello del duca di Brabante, dove è curato con sollecitudine amorevole da Genoveffa, la figlia del duca. Tra i due nasce l'amore che si conclude con le nozze. Quando Sigfrido deve partire per le crociate, affida la giovane sposa alle cure di Golo, suo amministratore. Costui approfitta dell'assenza del conte per insidiare Genoveffa, la quale decisamente rifiuta le sue proposte scatenandone così l'istinto perfido e vendicativo. La donna viene gettata in prigione, dove dà alla luce un figlio. Accusata ingiustamente di adulterio, viene condannata a morte. L'esecuzione dovrebbe aver luogo nella foresta, ma uno dei carnefici, impietosito le risparmia la vita. Sigfrido, ignaro di tutto, ritorna al castello ed apprende l'intera verità; punisce allora il colpevole, va in cerca del figlio e della sposa e torna con loro a casa.

CAST

CRITICA

"Un lavoro senza pretese, caratterizzato da qualche ingenuità sul piano della ricostruzione storica, ma, in sostanza, diretto con discreto mestiere e con un certo senso dello spettacolo." (Segnalazioni Cinematografiche, vol.57, 1965)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy