FURIA

ITALIA - 1946
FURIA
Oreste, ricco allevatore di cavalli, ha sposato in seconde nozze Clara, donna procace e perfida la quale si invaghisce del giovane cavallante Antonio, uomo di fiducia di suo marito, e col suo fascino sensuale riesce a farne il suo amante. Intanto ritorna nella casa paterna Marietta, figlia del primo letto, che è stata educata in un collegio di suore. Marietta s'accorge della tresca e ne soffre. Una notte Oreste rientra inaspettatamente mentre i due amanti sono in dolce colloquio. Allora Marietta, per salvare la matrigna, fa credere al padre che Antonio è il suo innamorato. Il padre li scaccia entrambi ed essi, aiutati dal parroco si sposano. Oreste perisce in un incidente e lascia Clara erede dei suoi beni. Essa riesce a riannodare la tresca, ma Antonio, che ama sua moglie, manifesta all'amante il fermo proposito di troncare la relazione. Clara decide allora di partire nella speranza che Antonio la segua, ma mentre prepara i bagagli, è assalita e strangolata dal servo scemo che subisce il suo fascino malsano e che essa ha mortalmente offeso.
  • Durata: 94'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: A.G.I.C., FABIO FRANCHINI
  • Distribuzione: AGIC

NOTE

COLLABORATORE AL MONTAGGIO: WANDA TUZI.
AIUTO REGISTA: MARIO MONICELLI.

CRITICA

"Il film ha pregi anche notevoli, ma non ha quel ritmo incalzante che la vicenda avrebbe richiesto per risultare appassionante; a volte l'azione ristagna quando più necessario sarebbe stato un agile taglio dei quadri, e le scene di carattere morboso non sempre trovano giustificazione agli effetti del normale svolgersi della trama [...]. Lodevole la prova di Isa Pola [...] mentre Rossano Brazzi appare poco adatto al ruolo affidatogli". (L'Operatore, "Intermezzo", n. 12/13, del 15/7/1947).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy