FRANCO E CICCIO... LADRO E GUARDIA

ITALIA - 1969
Nell'inseguire, sui tetti, il cugino Franco, ladro professionista, il vice-brigadiere di polizia Ciccio Chiappalone precipita con lui, per la rottura d'un lucernario, in una stanza in cui è stato appena commesso un omicidio. Scattate da un meccanismo automatico, predisposto dalla vittima, le foto dei due finiscono sui giornali, come quelle dei sospetti assassini. Per quanto i superiori di Ciccio siano convinti della sua innocenza e di quella di Franco, impongono a entrambi - pena la radiazione dalla polizia, per l'uno, il carcere, per l'altro - di collaborare alla scoperta del colpevole, che si presume stia nascosto in un circo. Fattisi assumere come inservienti, i due combinano, per dabbenaggine, un sacco di guai ma i tentativi di smascherare il colpevole non approdano a nulla, mentre solo il caso li salva da una serie di attentati ai loro danni. Finalmente l'assassino decide di affrontarli allo scoperto, pistola alla mano. Il direttore del circo, però, e la stessa polizia intervengono tempestivamente a salvarli. Mentre il ricercato finisce in carcere, Franco riprende a rubare e Ciccio, come sempre, ad inseguirlo.

CAST

CRITICA

"Mediocre, eppure qua e là divertente commedia dal sapore di farsa, che parte come parodia del celebre 'Guardie e ladri' per poi lasciare carta bianca all'irresistibile coppia. Se lo scatenato Franco Franchi fa il diavolo a quattro saltando da un travestimento all'altro, l'impeccabile finto scemo Ciccio Ingrassia è molto più di una spalla". (Massimo Bertarelli, 'Il giornale', 13 dicembre 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy