EQUATORE

ITALIA - 1938
Un tecnico italiano, che lavora in un cantiere inglese per la costruzione di una ferrovia nel Kenia, viene accusato di furto dal direttore del cantiere, il quale è innamorato della moglie di lui. Il maligno ha organizzato lui stesso il furto allo scopo di poter ricattare, con la minaccia di denuncia contro il marito, la donna che circuisce. Ma il suo piano diabolico è sventato. Egli fugge con una ragazza che l'ama e il tecnico italiano, di cui è stata riconosciuta l'innocenza, si reca con sua moglie a lavorare nell'Africa Orientale Italiana.
  • Durata: 75'
  • Tratto da: TRATTO DALL'OMONIMA COMMEDIA DI ALESSANDRO DE STEFANI
  • Produzione: FRANCESCO GIUNTA PER LA ROMA FILM
  • Distribuzione: GENERALCINE - ROMA

NOTE

DIRETTORE DI PRODUZIONE: PIERO CASERINI

CRITICA

"Una zona equatoriale inesplorata e deserta attraverso cui il lavoro e l'intelligenza dell'uomo aprono faticosamente le vie di collegamento e di comunicazione: questa è la cornice in cui fermenta la vicenda di questo film (...) Tino Erneler, Milena Penovich e Cesare Fantoni sono gli efficaci e bravi interpreti della vicenda. Bella fotografia, esterni autentici, vivaci inquadrature". (Vice, "Il Giornale d'Italia", 22.07.1939).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy