Eden

FRANCIA - 2014
Negli anni Novanta, la musica elettronica francese si è sviluppata a un ritmo velocissimo dando vita al movimento chiamato "French touch". Ed è in quel periodo che Paul fa il suo ingresso nel mondo dei DJ: insieme al suo migliore amico, infatti, crea il duo chiamato "Cheers" che improvvisamente si fa apprezzare dal pubblico dei locali parigini. Tuttavia, l'euforia per la loro ascesa nell'Olimpo della musica sarà di breve durata...

CAST

NOTE

- SELEZIONE UFFICIALE ALLA IX EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA (2014) NELLA SEZIONE 'GALA'.

CRITICA

"(...) un'autobiografia generazionale, quella di chi oggi sta fra i 35 ei 40 anni, ricostruendo i fili della scena musicale francese degli anni 90 ¿ il 'french touch' che ha fatto scuola nei generi house e disco¿ attraverso la vicenda del dj Paul e dei suoi amici sul cui sfondo transitano però anche riferimenti a figure reali (il duo Daft Punk per esempio). Tra rave e droghe, amori e sregolatezze depresse scorre una parabola giovanile senza lieto fine, osservata in modo troppo piatto per chiamare alla partecipazione e all'emozione." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 18 ottobre 2014)

"L'ispirazione per questo le è venuta dall'esperienza del fratello Sven, protagonista della scena house francese, ma nei film di Mia Hansen-Løve la componente personale è sempre un riferimento forte; dall'esordio con 'Tout est pardonné', nel 2007, che ha rivelato il talento della giovane regista francese, oggi poco più che trentenne, prima critica per i Cahiers du cinéma e poi attrice nel film di Olivier Assayas ('Fine agosto, inizio settembre') divenuto il suo compagno di vita. E questo mettersi in gioco mai esplicito, che predilige le zone d'ombra, il flusso sensibile delle esperienze, lo ritroviamo anche nel precedente 'Un amour de jeunesse', nella cui protagonista si possono rintracciare affinità con la regista, o in 'Le père de mon enfant' ispirato alla figura del produttore francese Hubert Balsan, morto suicida, che però sposta la narrazione su chi è rimasto dopo la sua scomparsa, la moglie (era una intensa Chiara Caselli), i figli. Ecco lo spostamento dal sé a un universo emozionale di intimità «condivisa» è quello che rende i film di Mia Hansen-Løve qualcosa di più, e anche di molto diverso del racconto alla prima persona, o dall'autofinzione. È la dimensione letteraria che cerca questa cineasta dall'aspetto minuto per filtrare l'esperienza, il vissuto che cosa riflettono la loro epoca e un sentimento collettivo. (...) Gli anni Novanta della scena house francese con i Daft Punk che Mia Hansen-Løve «decaschizza» pure se le facce di Thomas e Guy Man sembrano dire poco, al punto che rimangono fuori dalla discoteca mentre la loro musica passa ovunque - la scena è molto divertente - sono l'epoca, ma 'Eden' non è un film su questo. L'aria dei tempi appare infatti più un «pretesto» per scrivere un nuovo romanzo di formazione, la storia di una giovinezza, e il cosiddetto passaggio all'età adulta, e come accadeva nell''Aprés Mai' di Assayas - a cui Hansen-Løve guarda e dal quale ha preso il protagonista, e anche il molto bravo Hugo Canzelmann nel ruolo del suo socio - il senso di un periodo affiora in una serie di esperienze individuali. Lì era il Sessantotto, qui gli anni Novanta quando i ragazzi girano in taxi e non prendono mai nemmeno il metrò. In questa lente notturna, punteggiata di attori come Laura Smet, Vincent Macaigne, Greta Gerwig, i personaggi oscillano tra «l'euforia e la malinconia» e la fragilità di un: «Please tell me who I am» (Daft Punk). La sfida è importante, e Mia Hansen-Løve è brava, penso solo alle scene in discoteca o di festa - in Italia non hanno ancora capito come si fanno. O al rapporto tutto di non-detto tra i personaggi, bloccato sulla superfice scatenata che non ammette paura. Ciò che funziona meno è quell'eccesso di distanza narrativa quasi una freddezza che non è solo l'incorporeo del mondo narrato - il sesso c'è ma non si vede mai - ma sembra essere la posizione della regista (la sorella del protagonista che non vediamo mai). Nel corpo a corpo con la scrittura (non solo la poesia che «salva» il personagggio) l'immagine fatica a trovare una sua libertà, a muoversi fuori da un che di programmatico, da un «vero» della vita che ha sempre qualche balza in più." (Cristina Piccino, 'Il Manifesto', 18 ottobre 2014)

"Piacerà a chi sta iniziando a tener d'occhio la scandinava di Francia Mia Hansen-Løve che già in 'Qualcosa nell'aria' aveva raccontato l'accendersi e lo spegnersi dei fuochi di una generazione, quella dei ragazzi degli anni 70. 'Eden' chiude lasciandoti l'amaro in bocca come ogni constatazione che una stagione vitale è terminata." (Giorgio Carbone, 'Libero', 20 agosto 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy