Ecce Bombo

ITALIA - 1977
Ecce Bombo
Il film descrive le giornate di Michele, studente universitario, i suoi rapporti con i genitori e la sorella Valentina, quelli con le ragazze e la sua vita di gruppo. Vediamo lui e i suoi amici discutere del più e del meno ai tavoli di un bar o parlare dai microfoni di una radio privata. Assistiamo alle discussioni suscitate nella famiglia di Michele dalla decisione di Valentina di partecipare all'occupazione di una scuola, alla bizzarra corte che Michele fa alla ragazza di un suo amico, ai tentativi del giovane e dei suoi compagni di aiutare una schizofrenica, Olga, a vincere la sua malattia, a una stravagante sessione d'esami, a sedute collettive di autocoscienza e di autoconfessione. Arriva l'estate e Michele si ritrova solo e annoiato. Poi i suoi amici tornano dalle vacanze e tutto ricomincia come prima. Una sera tutti insieme decidono di andare da Olga: invece, tranne Michele, ognuno si perde per strada, distratto da futili svaghi.
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: EASTMANCOLOR VISTAVISION
  • Produzione: MARIO GALLO PER FILMALPHA, ALPHABETAFILM, CON IL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DEL TURISMO E DELLO SPETTACOLO
  • Distribuzione: CIDIF CAD (1978) - PANARECORD, L'UNITA' VIDEO
  • Data uscita 6 Dicembre 2006

NOTE

- GIRATO NEI MESI DI SETTEMBRE E OTTOBRE 1977 IL FILM USCI' L'8 MARZO 1978, LA SETTIMANA PRIMA DEL SEQUESTRO MORO.

- FONICO DI PRESA DIRETTA: FRANCO BORNI.

- NEL 2006 IL FILM E' TORNATO IN SALA IN UN'EDIZIONE RESTAURATA.

CRITICA

"Cosa vuol dire "Ecce Bombo"? Forse "Ecco una bomba!", oppure "ecco un uomo ingrassato e rimbecillito dal consumo delle mode". La seconda ipotesi è più attendibile. Moretti non è un rivoluzionario né un violento, anche se come autore è nato nel circuito alternativo. Il suo primo film "Io sono un autarchico", girato in super 8, costato tre milioni e mezzo, dopo aver riportato un successo che non ha precedenti nel formato ridotto, è stato perfino trasmesso in TV. Come in "Io sono un autarchico", anche in "Ecce Bombo" Moretti fa una satira della generazione post - sessantottesca, coi suoi miti nevrotici e impolverati. Moretti stesso, col suo nuovo film, prodotto per il circuito commerciale e costato sui duecento milioni, è una testimonianza della morte del sessantottismo. Nel '68 si teorizzava l'uso del video- tape e dei super 8 per rivoluzionare l'informazione. Moretti lo ha usato per dare la scalata al cinema". (Claudio Lazzaro "L'Europeo").

"A dispetto dell'eventuale gusto nel cogliere oggi Moretti in fallo, la ricchezza di 'Ecce bombo' sta proprio nel rapporto tra la sua ispirazione solitaria, aspramente autocritica e sgradevolmente aggressiva, tra la sua soggettività deformante e un po' malata, tra il suo estremismo sofferto e autolesionista, e l'esito che ne ha fatto un oggetto cinematografico di culto, 'epocale', in cui se non tutti molti (e tanti altri si sono aggiunti strada facendo) hanno potuto vedersi rappresentati. E' per questo che un piccolo film abbastanza rudimentale si può ripresentare oggi con la certezza che parla di noi, di come eravamo e di come siamo diventati." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 8 dicembre 2006)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy