Confusi e felici

ITALIA - 2014
Anche gli psicanalisti possono cadere in depressione! Lo sa bene Marcello, psicanalista cialtrone e cinico, che un giorno decide di chiudersi in casa e mollare tutto. Questo gesto "estremo" non viene accolto bene da Silvia, segretaria di Marcello, che decide di radunare i suoi pazienti per cercare, tutti insieme, di farlo uscire dalla crisi. Un'idea bellissima, se non fosse che, ad aiutare Silvia, ci saranno: uno spacciatore affetto da attacchi di panico, un quarantenne mammome cronico, una ninfomane decisamente invadente, una coppia in crisi sessuale e un telecronista in crisi per il tradimento della moglie. Strampalati, ma affettuosi e divertenti, i pazienti di Marcello cercheranno in ogni modo di tirargli su il morale...

CAST

NOTE

- REALIZZATO IN ASSOCIAZIONE CON BANCA POPOLARE DI SONDRIO AI SENSI DELLE NORME SUL TAX CREDIT.

CRITICA

"Massimiliano Bruno ('Nessuno mi può giudicare', 'Viva l'Italia') è fra quelli che fanno sperare ma sono le sceneggiature che latitano, le battute e le situazioni che sono prevedibili, le patologie scontate. Perché c'è lo psicanalista depresso Bisio che lascia lo studio, minato dalla cecità (memorie non di uno, ma due film di Verdone, oltre che di «In Treatment») e quindi i pazienti nervosi si agitano, spesso a vuoto, richiamando in servizio Edipo, il romanesco da pusher e la disfunzione erettile. Nel cast si ride molto ma Caterina Guzzanti è davvero brava." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 30 ottobre 2014)

"Potrebbe essere una commedia del tipo di quella con cui, il regista, Massimiliano Bruno, esordì nel 2011 ('Nessuno mi può giudicare') però i temi si alternano. Qua si sorride di fronte alla descrizione dei pazienti di Marcello e alla rappresentazione degli svaghi (o presunti tali) da loro organizzati ma non tutto si accoglie convinti: proprio per la descrizione di quei pazienti che non vanno quasi mai oltre la macchietta e per l'ovvietà di quegli espedienti organizzati metà per egoismo e metà, forse, per una quasi bontà. In mezzo, però, nei panni di Marcello, c'è Claudio Bisio e tengo subito a citare la sua recitazione per nulla frivola e leggera (come avrebbe potuto del resto?) affidata sempre invece a espressioni tese e raccolte. All'insegna di un doloroso sgomento." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo - Roma', 30 ottobre 2014)

"In Italia, a parte Checco Zalone che è un caso a sé, sono pochi gli attori da «valore aggiunto» di una commedia, capaci cioè di modificarne sostanzialmente il giudizio, a seconda o meno della loro presenza nel cast. Edoardo Leo, Sergio Rubini, Rocco Papaleo e Marco Giallini sono certamente la punta dell'iceberg. 'Confusi e felici', onesta, ma nulla più, commediola che ride con e sulla psicanalisi, sarebbe sicuramente un titolo da rapido dimenticatoio senza Papaleo e Giallini. Al primo bastano poche scene per ritagliare la figura spassosa di un telecronista cornuto antitedesco; il secondo, invece, spacciatore razzista, è la vera colonna portante del film di Massimiliano Bruno, capace di primeggiare, con la sua bravura, in una storia corale dove tutti i protagonisti hanno la stessa dignità in termini di presenza. Quando Giallini è in scena, però, la pellicola sale di livello; quando manca, diventa banale. (...) La commedia è quello che è, con i pregi e i difetti tipici delle nostre produzioni (ma si ride decisamente più che nella media). Nobilitata, però, da un grande Giallini, due spanne sopra tutti." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 30 ottobre 2014)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy