COLPI DI DADI COLPI DI PISTOLA

ARIZONA BUSHWACKERS

USA - 1968
Nel 1865. Mentre ancora infuria la guerra di Secessione, nelle carceri nordiste, sopraffollate, i prigionieri confederati vivono in condizioni miserevoli e moltissimi muoiono. Per rimediare alla triste situazione, il presidente Lincoln decide di liberare quelli, tra di essi. Che, indossata la divisa yankee, accetteranno di andare a presiedere il West, a combattere gli indiani, a ricostruire le linee telegrafiche e ferroviarie distrutte dalla guerra. Uno di loro, Lee Travis, ex-giocatore e famoso pistolero, viene assegnato come sceriffo a Colton in Arizona al posto del vecchio Bill Grover, di cui è nata la condiscendenza (abbondantemente ricompensata) verso i loschi traffici di Tom Rail. Unico a dargli il benvenuto è il sindaco, mentre il vice-sceriffo, Shelby, gli dichiara apertamente la propria ostilità e Rail passa addirittura a vie di fatto, cercando, ma inutilmente, di farlo uccidere dai suoi sicari. Insospettito dalla simpatia che una giovane, Jill, dimostra per il nuovo sceriffo, Shelby si introduce nella camera della donna e frugando tra le sue carte scopre le sue origini sudiste. Convitno (ed è nel giusto) che Travis e Jill siano due spie (il loro compito, infatti, è quello di consegnare ai sudisti un deposito di munizioni dei confederati), Shelby affronta lo sceriffo, sta per arrestarlo, quand'ecco, portata da Bill Grover giunge la notizia che la guerra è finita. Ormai cittadini di un'unica nazione, Travis, Shelby lo stesso Grover affrontano un attacco degli indiani, incitati all'aggressione della Rail, loro fornitore d'armi. L'attacco viene respinto e Rail ucciso.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy